SFRATTI. CdM rinvia a settembre decreto. Inquilini: “Decisione incomprensibile e deludente”

"Quanto deciso oggi dal Consiglio dei Ministri è per noi incomprensibile e deludente sia per noi che per le famiglie sfrattate che in grandissima maggioranza hanno dato il voto per la coalizione dell’unione credendo in quanto affermato nel programma". E’ quanto ha dichiarato Cesare Ottolini della Segreteria Nazionale dell’Unione Inquilini in merito alla decisione del Governo di rinviare al prossimo Consiglio il decreto di proroga e di bloccare per il periodo estivo l’esecuzione degli sfratti.

"Dal Governo Prodi – ha aggiunto – ci aspettiamo coerenza con il programma dell’Unione che prevede la garanzia del passaggio da casa a casa per gli sfrattati e l’aumento dell’offerta in locazione di alloggi sociali. Deve finire il tempo delle proroghe finalizzate a se stesse. E’ necessaria una svolta che affronti la questione abitativa con interventi strutturali. Chiediamo che si proceda una sospensione congrua degli sfratti , almeno un anno, che riguardi tutti i comuni ad alta tensione abitativa, elencati nella delibera CIPE del 2003 e che contestualmente si preveda almeno l’avvio della discussione di un programma nazionale per il recupero, la costruzione e l’acquisto di almeno un milione di alloggi sociali".

Ottolini infine auspica che "Anche da parte dell’Anci (Associazione nazionale comuni italiani) vengano segnali decisi nei confronti del Governo Prodi che rischia di lasciare l’emergenza abitativa sulle gracili spalle del comuni e degli sfrattati".

Comments are closed.