SICUREZZA ALIMENTARE. Abruzzo, ancora latte con ITX. Federfarma: “In farmacia maggiori garanzie”

In un supermercato dell’Abruzzo il Corpo forestale dello Stato ha sequestrato confezioni di latte Nestle’ Nidina 2 appartenenti al primo lotto oggetto del ritiro disposto in novembre dalla Procura di Ascoli Piceno perche’ contaminate dal fissatore per inchiostro ITX. Sulle confezioni di latte presenti sugli scaffali del supermarket erano state semplicemente sovrapposte etichette con la dicitura "nuova confezione". E’ quanto si apprende da una nota di Federfarma.

La federazione in rappresentanza delle farmacie private, osserva che, "mentre le confezioni di latte a rischio nel giro di poche ore sono scomparse dalle farmacie, a due mesi di distanza dal ritiro ieri in qualche supermercato gli ignari consumatori potevano ancora comprarle tranquillamente".

Le farmacie – spiega Federfarma in una nota – collegate in rete con l’autorità sanitaria e con le strutture del Ssn (Sistema Sanitario Nazionale), in caso di necessità sono in grado di ritirare in poche ore un farmaco o un prodotto su tutto il territorio nazionale. Non altrettanto possono fare i supermercati. Il ritiro immediato e’ solo una delle tante garanzie per la salute collettiva che il sistema delle farmacie assicura quotidianamente, insieme ad un facile accesso al farmaco, 24 ore su 24, grazie ai turni.

Comments are closed.