SICUREZZA ALIMENTARE. Bari, maxi sequestro di cagliate. Coldiretti: senza latte 1 mozzarella su 4

I carabinieri del Nas di Bari hanno sequestrato in un caseificio di Noci circa 60 tonnellate di cagliata priva delle indicazioni di tracciabilità, obbligatorie per legge, in cattive condizioni igieniche ed impropriamente congelata. La cagliata è un semilavorato del latte che, oltre ad essere poco costoso, permette di ridurre i tempi di lavorazione nella produzione di mozzarelle e formaggi.

"L’importante azione dei Carabinieri dei Nas di Bari ha fatto luce sul preoccupante fenomeno della produzione di mozzarelle senza latte, realizzate attraverso semilavorati industriali chiamati cagliate che vengono importati dall’estero per produrre oltre un quarto delle mozzarelle in vendita in Italia". E’ il commento della Coldiretti che spiega: "Con il prodotto sequestrato sarebbe stato possibile produrre oltre mezzo milione delle classiche confezioni da mozzarella da 125 grammi".

L’utilizzazione di cagliate per produrre mozzarelle di latte vaccino è purtroppo legale sia in Europa che in Italia dove, secondo le stime della Coldiretti, almeno una mozzarella su 4 tra quelle in commercio non è stata realizzata a partire direttamente dal latte, ma da cagliate straniere, anche se non è obbligatorio indicarlo in etichetta. Secondo una analisi della Coldiretti in Italia nel 2010 sono arrivati ben 86 milioni di chili di cagliate provenienti soprattutto da Lituania, Ungheria, Polonia e Germania per diventare mozzarelle Made in Italy, dietro il nome di marchi con nomi italiani.

"Oltre ad ingannare i consumatori, si tratta di una concorrenza sleale nei confronti dei produttori che utilizzano esclusivamente latte fresco, perché rispetto alla mozzarella genuina fatta dal latte quella tarocca – spiega la Coldiretti – costa attorno alla metà e può essere venduta sullo scaffale a prezzi molto bassi".

La Coldiretti insieme all’Associazione italiana allevatori (Aia), con la collaborazione della facoltà di Agraria della Università di Bari, ha sostenuto la realizzazione di una nuova tecnologia denominata "tac salva mozzarella" che consente di svelare l’inganno delle mozzarelle senza latte. "La nuova tecnologia – ha spiegato la Coldiretti – si basa sulla evidenziazione di un marcatore che si trova nelle mozzarelle non prodotte con solo latte fresco. Si tratta del primo sistema di analisi che consente di rilevare se una mozzarella vaccina è stata realmente prodotta con latte fresco o se, invece, è realizzata utilizzando cagliate congelate o cagliate refrigerate vecchie. Il risultato delle analisi conferma i dati statistici sulle importazioni dai quali si evidenzia che la metà delle mozzarelle vendute in Italia sono fatte con latte o addirittura cagliate straniere".

"Per salvare le 39 mila stalle italiane che lavorano nel settore è necessario intensificare i controlli anche con le nuove tecnologie a disposizione, ma servono pure – conclude la Coldiretti – misure di intervento strutturali per la trasparenza come quelle previste dal Decreto, in corso di verifica in sede UE, che prevede l’obbligo di indicare la provenienza di latte e derivati in etichetta ed anche l’utilizzazione di sostanze diverse dal latte come le cagliate, il divieto di utilizzare polveri e caseinati in sostituzione del latte per la produzione dei formaggi e rendere pubblici i dati relativi alle ditte di destinazione delle importazioni di latte dall’estero attraverso internet".

Comments are closed.