SICUREZZA ALIMENTARE. Dall’Ucraina olio di girasole adulterato. Coldiretti chiede il ritiro

Allarmate dal rapporto dei laboratori statali di chimica, secondo cui l’olio di girasole proveniente dall’Ucraina è adulterato, le autorità greche hanno ritirato tutto il prodotto importato nel 2008. Questo preoccupa l’Italia che nel 2008 ha importato quasi l’80% dell’olio di girasole proprio dall’Ucraina; la Coldiretti chiede, in un comunicato di oggi, che si provveda "tempestivamente al ritiro dal mercato del prodotto straniero, anche con le adeguate informazioni sulle ditte coinvolte".

Nel 2007 l’Italia ha importato oltre 103 milioni di chili di olio di girasole dall’Ucraina e nei primi 2 mesi del 2008 le importazioni sono aumentate di quasi 7 volte, raggiungendo un picco di 23,3 milioni di chili. Inoltre, si legge nella nota, l’olio di girasole è il più acquistato tra gli olii di semi. "L’allarme sui rischi per la salute provocati dal consumo di olio di girasole contaminato proveniente dall’Ucraina conferma drammaticamente gli effetti della concorrenza sleale della produzione straniera che danneggiano imprese e consumatori" ha affermato il presidente della Coldiretti Sergio Marini nel sottolineare che "di fronte ai rischi alimentari che si moltiplicano, anche per effetto dell’intensificarsi degli scambi commerciali, occorrono scelte di trasparenza strutturali per garantire la salute dei cittadini come l’obbligo dell’indicazione di provenienza di tutti gli alimenti". "E’ quindi necessario – ha precisato Marini – intervenire sulla legislazione nazionale e comunitaria per estendere a tutti i prodotti alimentari l’obbligo di indicare sull’etichetta la provenienza della materia prima agricola impiegata per consentire scelte consapevoli ai consumatori, ma anche la piena rintracciabilità e il ritiro immediato dei prodotti a rischio". La Coldiretti riferisce che "la stessa Commissione europea ha raccomandato agli Stati membri di ritirare dal mercato tutti i prodotti alimentari contenenti più del 10 per cento di olio di semi di girasole prodotto in Ucraina, oltre a tutti gli olii di semi di girasole provenienti dall’Ucraina in cui è stata scoperta una contaminazione significativa (circa 7 grammi per kg) con olii minerali.

Comments are closed.