SICUREZZA ALIMENTARE. Firenze, Aduc: “Tonno avariato alla Coop”

L’Osservatorio di Firenze dell’Aduc punta il dito contro il sistema di funzionamento della catena del freddo dei supermercati Coop. A partire dalla seguente denuncia: "In un paio di supermercati, e forse di più, della Coop fiorentina è stato venduto tonno avariato che ha mandato all’ospedale otto persone. Motivo: dicono che in un frigo il termostato segnava quattro gradi ma all’interno ce n’erano diciotto. Indagine dei Nas in corso e la Coop fa sapere agli acquirenti di questo tonno che, riportandolo indietro, potranno essere rimborsati".

Per l’associazione, non basta. Anche perché in ballo c’è soprattutto il pericolo che il consumatore si ritrovi davanti a "un sistema di controllo e prevenzione che fa acqua, e da più parti, visto che sono finiti in ospedale non i clienti non di un solo negozio".

L’Aduc contesta anche il fatto che la Coop dica di riportare indietro il tonno e assicuri che sarà rimborsato: "Un consumatore compra un prodotto, lo porta a casa, per fortuna non lo ha ancora mangiato, torna indietro al supermercato per restituirlo e gli vengono restituiti i soldi dell’acquisto e basta? E il tempo del consumatore non vale? Così come non vale preoccupazione e spavento dello stesso? E perché solo quel tonno avariato? Chi garantisce – afferma l’Aduc – che altre partite di pesce o carne non abbiano subito le stesse attenzioni del frigo che è andato a diciotto, per chissà quanto tempo, e non a quattro? Il consumatore ha subito un danno, e non solo quello del tonno avariato, per cui il rimborso non può essere solo di quanto pagato, ma almeno di dieci volte tanto. Poi, quando i Nas ci diranno che tutto va bene, tutti felici e contenti ad acquistare alla Coop, ma ora, ad ognuno le proprie responsabilità e colpe".

Comments are closed.