SICUREZZA ALIMENTARE. Frutta e verdura gratis nelle scuole. Proposta della Commissione Ue

Frutta e verdura gratuite nelle scuole per indurne il consumo tra i più giovani poiché le buone abitudini alimentari si acquisiscono durante l’infanzia. Lo ha proposto la Commissione Ue che ha pensato ad un programma comunitario, sostenuto da Fondi europei e nazionali, per acquistare e distribuire frutta e verdura fresche nelle scuole e per promuovere iniziative educative e di sensibilizzazione e la condivisione delle migliori pratiche.

Sono 22 milioni i bambini in sovrappeso stimati nell’Ue; di questi, oltre 5 milioni sono obesi e questa cifra è destinata ad aumentare di 400mila unità ogni anno. Un’alimentazione migliore può svolgere un ruolo importante per contrastare questo problema e l’iniziativa della Commissione si inscrive in una più ampia "Strategia europea sugli aspetti sanitari connessi alla nutrizione, al sovrappeso e all’obesità".

L’Organizzazione mondiale della sanità raccomanda un consumo netto giornaliero di 400 grammi di frutta e verdura a testa, ma la maggioranza degli europei non raggiunge questo obiettivo, anzi il consumo è in calo soprattutto fra i giovani. Da varie ricerche è emerso inoltre che le famiglie a basso reddito tendono a consumare meno frutta e verdura. La distribuzione gratuita di questi prodotti sani nelle scuole può quindi rappresentare un elemento decisivo, soprattutto nelle zone svantaggiate. In alcuni Stati membri esistono già dei programmi che promuovono il consumo di frutta nelle scuole, ma la Commissione ha deciso di mettere a disposizione 90 milioni di euro all’anno per un’iniziativa più ampia e attività supplementari.

Le autorità nazionali dovrebbero elaborare una strategia nazionale in collaborazione con le autorità sanitarie e le autorità didattiche, coinvolgendo anche l’industria e i gruppi di interesse; tale strategia sarebbe ovviamente adattata alle preferenze nazionali. I programmi comincerebbero all’inizio dell’anno scolastico 2009/2010.

"Questa proposta dimostra che siamo decisi a prendere misure concrete per combattere l’obesità" ha dichiarato Mariann Fischer Boel, commissaria all’Agricoltura e allo Sviluppo rurale in occasione di un evento organizzato alla Falkenhausschule, Gross-Herzog-Friedrich-Strasse 23, Kehl, in Germania, per il lancio dell’iniziativa. "È fondamentale dare ai bambini buone abitudini alimentari nell’infanzia perché le manterranno negli anni successivi. Sono troppi i bambini che non mangiano abbastanza frutta e verdura e spesso non sanno quanto siano buone. Basta percorrere le strade principali delle nostre città per rendersi conto dell’entità del problema rappresentato dai bambini sovrappeso. Dobbiamo fare qualcosa per rimediarvi!".

Per ulteriori informazioni sul programma cliccare qui

Comments are closed.