SICUREZZA ALIMENTARE. Il decalogo domestico dell’UNC

La sicurezza alimentare è da tempo sotto i riflettori dei Governi e dell’opinione pubblica. L’Unione Europea sta insistendo molto sull’argomento e, insieme alle Associazioni dei consumatori, ha condotto e continua a condurre campagne di informazione e sensibilizzazione. In quest’ambito l’Unione Nazionale Consumatori ha diffuso un decalogo pratico per la sicurezza domestica.

Ad esempio, l’UNC ricorda di fare sempre attenzione alla data di scadenza, perché i prodotti con l’indicazione "da consumarsi preferibilmente entro il…" possono essere venduti dal negoziante anche dopo la scadenza.

Si consiglia di non comprare molluschi sfusi perché questi per legge devono essere confezionati e devono avere un cartellino indicante il centro di depurazione e la data di confezionamento. Per quanto riguarda la carne l’UNC suggerisce di scegliere quella con il grasso perché senon c’è un filo di grasso il bovino potrebbe essere stato trattato con gli anabolizzanti, che hanno proprio lo scopo di modificare il metabolismo dell’animale in modo che trasformi tutto ciò che mangia in carne magra.

Passando ai formaggi, il consiglio è quello di comprare dal pastore solo quelli stagionati, non quelli freschi: se non sono stagionati almeno tre mesi possono contenere il germe della brucellosi. E ancora, secondo l’UNC bisogna diffidare di sottoli e salumi "casarecci" e anonimi venduti in bancarelle: nessuno può assicurare che non contengano il germe del botulino, trasmettendo una malattia che può essere letale.

Comments are closed.