SICUREZZA ALIMENTARE. Integratori al mirtillo nero, 3 su 14 non contengono il frutto dichiarato

Gli integratori al mirtillo nero sono un falso mito. Lo dimostra un test comparativo condotto da Altroconsumo: 3 prodotti su 14 integratori al mirtillo nero portati in laboratorio non contengono il frutto dichiarato. E in generale la presenza di antiossidanti è più bassa rispetto a quella indicata in etichetta. Altroconsumo precisa che la legislazione sugli integratori è blanda e nessuno verifica il rispetto dei vincoli per la veridicità delle affermazioni contenute in etichetta.

"Un’opacità nelle informazioni che marca tutto il settore degli integratori – scrive l’Associazione – un mercato in espansione esponenziale che si appoggia su falsi miti e l’aura di attendibilità medica, fornita dall’essere distribuiti soprattutto attraverso il canale delle farmacie, dove nel 2010 sono state vendute 100 milioni di confezioni per un valore di 1.418 milioni di euro".

Altroconsumo ricorda ai consumatori che solo una dieta equilibrata, con almeno 5 porzioni di frutta o verdura al giorno è garanzia di benessere. "Nonostante diversi studi affermino il contrario, non esiste evidenza scientifica, lo sottolinea anche l’Istituto nazionale della nutrizione, che assumere vitamine, minerali, antiossidanti attraverso integratori abbia gli stessi effetti benefici sull’organismo che produce l’assunzione regolare di frutta e verdura. Al contrario, chi consuma integratori può pensare erroneamente di non dover variare la propria dieta, assumendo già le sostanze attraverso pillole, soluzioni idroalcoliche o quant’altro. Soprattutto quando questi non contengono le sostanze promesse, risultando inutili, oltre che costosi".

Comments are closed.