SICUREZZA ALIMENTARE. Italia a Tavola, dov’è finita l’Agenzia Nazionale?

La presentazione del rapporto Italia a Tavola curato dal Movimento Difesa del Cittadino e da Legambiente è stata anche l’occasione per fare il punto sull’Agenzia Nazionale della Sicurezza Alimentare. "Istituita nel 2007 dal governo Prodi" coma ha ricordato la senatrice del PD Colomba Mongiello che ha aperto la tavola rotonda moderata da Anna Bartolini, "l’Agenzia ha dovuto attraversare diversi periodi bui, come quando il ministro Calderoli l’ha indicata tra gli enti inutili e dunque da cancellare ancor prima di essere divenuta operativa". In realtà, infatti, si è in attesa dal 2007 dei decreti attuativi. "Il tema" ha aggiunto la senatrice "non è locale bensì nazionale perché in Italia non esiste un organismo terzo che supervisiona i controlli e i consumatori hanno il diritto di essere tutelati". Ma non finisce qui. "Qualche mese fa – continua la Mongiello che ha firmato anche un’interrogazione parlamentare sulle sorti dell’Agenzia – si è insediato presso il Ministero della Salute il Comitato per la valutazione del rischio nella catena alimentare indicato come l’interfaccia nazionale dell’Efsa, cioè dell’Agenzia Europea che ha sede a Parma; ha cioè le stesse competenze e funzioni che avrebbero dovuto essere svolte dall’organismo foggiano." "Si tratta di una scelta che contraddice il principio di legalità" prosegue l’esponente del Pd "in quanto per via regolamentare si è disattesa una legge dello Stato".

Maurizio Zucchi, direttore Qualità Coop Italia, ha ricordato il contributo di Coop alla questione: "Nel 2002 quando si è iniziato a parlare della necessità di un’Agenzia Nazionale, Coop affidò al prof. Cassese uno studio per contribuire ad organizzare l’ente. Lo studio indicava alcune caratteristiche indispensabili dell’Agenzia: avrebbe dovuto essere indipendente, trasparente, riservata ed in grado di comunicare la propria attività direttamente al pubblico". Zucchi ha sottolineato più volte il fatto che l’Agenzia debba essere in grado di comunicare il rischio, individuandone tre tipi (nuovi rischi, globalizzazione e frodi), "abbiamo urgente bisogno di un ente che dia il proprio contributo in termini di prevenzione, per affrontare le emergenze e per superare il delirio comunicativo che si genera di conseguenza".

Enrico Cinotti, vice capo servizio de Il Salvagente, dopo aver compiuto un parallelo con la realtà americana "dove Barak Obama tra le prime azioni successive al proprio insediamento ha rifinanziato la Food and Drug Administration", ha evidenziato quello che ha definito un paradosso italiano: "Viviamo su una grande miniera d’oro costituita dal nostro patrimonio agro alimentare ma facciamo i conti con l’assenza di un interlocutore terzo, autonomo e specifico".

Unica voce fuori dal coro quella di Daniele Rossi, direttore generale Federalimentare: "Siamo sicuri che l’Agenzia sia esattamente ciò di cui abbiamo bisogno e non si trasformi nell’ennesima sovrastruttura?" ha esordito spiegando che già il Ministero della Salute e l’istituto Superiore di Sanità gestiscono il rischio con un bagaglio di esperienze maturato in questi anni". A tirare le somme della giornata ci ha pensato Francesco Ferrante, senatore e membro della segreteria nazionale di Legambiente: "Non ha senso dividersi tra fautori dell’Agenzia e non però non si può sottacere il fatto che il Ministero della Salute e l’Iss hanno e devono avere un ruolo diverso che non ìè quello dell’Agenzia".

Anche quest’anno MDC e Legambiente hanno voluto premiare le buone notizie dell’agroalimentare. Il Premio Italia a Tavola 2011 è andato a:

  • Progetto 2Q " Qualità Quotidiana"Asti – Interreg "Programme ALCOTRA 2007- 2013" della Asl di Asti segnalato da Aiab
  • Welfare, sostenibilità, salute e gusto: la ristorazione aziendale di Eniservizi segnalato da Aiab
  • Cosa bolle nelle pentole della mensa scolastica del comune di San Lazzaro di Savena segnalato da Aiab
  • La Qualità Coop: l’olio extravergine di Coop Italia
  • Un consumatore informato per l’acquisto consapevole dei prodotti ittici di Eurofishmarket Srl

Comments are closed.