SICUREZZA ALIMENTARE. MDC Lombardia denuncia le truffe in tavola e nei supermercati

Esplode un forno a microonde con dentro una confezione in alluminio di lasagne. E’ quanto è accaduto a una signora di Milano la cui segnalazione è stata rilevata dal Movimento Difesa del Cittadino (MDC) Lombardia. L’associazione sottolinea la gravità dell’accaduto visto che l’utilizzo al microonde veniva suggerito dalla scritta sulla confezione.

Ma non finiscono qui le segnalazioni di MDC: chiodi negli spinaci surgelati, scarafaggi nelle buste di pisellini, vendita sfusa di barrette di cioccolata prive di data di scadenza e casi di "distrazione" anche nel settore delle rosticcerie: una signora ha infatti denunciato all’associazione il ritrovamento di uno stuzzicadenti spezzato in una porzione di lasagne. La donna se lo è ritrovato in bocca: anche in questo caso tutto si è risolto con un grande spavento e solo per fortuna l’episodio non è degenerato in qualcosa che sarebbe potuto essere più grave.

Lucia Moreschi, presidente lombarda di MDC rassicura comunque i consumatori ricordando che la filiera produttiva e commerciale alimentare italiana è di ottima qualità e garantisce il consumatore, ma ci sono ancora settori a rischio per i quali ben vengano le sanzioni più severe previste dal Decreto legislativo 190 dello scorso aprile per chi non ritira subito dal commercio prodotti non sicuri".

"Devono esserci maggiori controlli lungo tutta la filiera – continua Moreschi – perché truffe e prodotti avariati sono sempre in agguato, come dimostra l’indagine dei Carabinieri del dicembre scorso che ha scoperto un’organizzazione, ben ramificata anche in Lombardia, che distribuiva uova marce per la produzione di alimenti. L’attività di indagine ha portato al sequestro di 32 milioni di uova avariate. Ai consumatori – conclude Moreschi – rinnoviamo l’invito a controllare sempre le etichette delle confezioni, e in caso di manomissione, irregolarità o presenze estranee di contattare la nostra associazione e di informare le unità competenti, dai NAS e alla Polizia Annonaria".

Comments are closed.