SICUREZZA ALIMENTARE. MDC e Legambiente Palermo: “In Sicilia servono più controlli”

Sicurezza alimentare, in Sicilia servono più controlli. A lanciare la richiesta sono MDC e Legambiente Palermo, che sottolineano tutti gli ultimi casi di sequestri: "La Sicilia continua ad essere marchiata da scandali alimentari e aumenta l’esigenza dei controlli – affermano in una nota congiunta – Insaccati invasi dai parassiti, formaggio avariato riciclato e spacciato per buono, prodotti ittici congelati scaduti o in cattivo stato di conservazione, rischiano di finire sulle nostre tavole, mettendo a repentaglio la salute dei consumatori".

I casi? Sequestri di alimenti e depositi per oltre 700mila euro da parte dei Nas di Palermo. Depositi abusivi di pane e salumi, pasta alimentare scaduta e ri-etichettata, violazioni sulla tracciabilità dei prodotti e sulla conservazione degli alimenti, confisca penale di 13 tonnellate di "mozzarella" illecitamente ottenuta con l’impiego di grassi vegetali e pronta alla vendita.

"Osservando questi risultati – ha commentato Giuseppe Messina, portavoce regionale del Movimento Difesa del Cittadino – si evince che la cucina siciliana non trova pace in tema di sicurezza alimentare e che la salute dei consumatori è sempre di più compromessa da contraffazioni. C’è l’esigenza di intensificare i controlli sugli alimenti. La lente delle forze dell’ordine deve essere puntata sulla tracciabilità e sull’etichettatura dei prodotti". Dobbiamo valorizzare i prodotti della nostra terra – ha dichiarato Maria Zammito, presidente di Legambiente Palermo – la lotta alle contraffazioni e ai criminali che lucrano sulla fiducia e la salute dei cittadini diventa attività fondamentale e irrinunciabile su cui la Regione e le forze dell’ordine devono lavorare costantemente, anche in termini di prevenzione".

Comments are closed.