SICUREZZA ALIMENTARE. Nas di Roma sequestrano 600 tonnellate di cibo scaduto

Alimenti irregolari, scaduti e di incerta provenienza sequestrati nell’ambito dell’operazione "Cibo Sicuro – Estate 2009" messa in atto dai carabinieri dei Nas di Roma. La maxi-operazione ha portato al sequestro di 600 tonnellate di alimenti scaduti o irregolari e in cattivo stato di conservazione, fra i quali 100 tonnellate di prodotti caseari che stavano per essere di nuovo lavorati e reimmessi sul mercato, nonché di 26 mila litri di latte di cui non si conosce la provenienza.

Il fenomeno degli alimenti in cattivo stato di conservazione solleva naturalmente l’attenzione dei consumatori, specialmente in un periodo delicato come quello estivo. Federconsumatori ad esempio chiede un sistema di sanzioni più efficace e una intensificazione dei controlli e sottolinea la necessità di prestare attenzione all’acquisto dei cibi. Come? "Fare attenzione, nell’acquisto dei generi alimentari sottoposti a refrigerazione o congelati, che gli appositi banchi frigo siano regolati sulla giusta temperatura, verificare sempre la data di scadenza indicata sulla confezione dei cibi freschi soggetti a scadenze ravvicinate e verificare l’integrità del prodotto e della sua confezione".

E solo a Roma sono state sequestrate 5 tonnellate di cibo avariato. "E’ incredibile la quantità di alimenti scaduti o irregolari che possono finire sulla tavola degli italiani mettendo a rischio la loro salute – ha commentato Massimiliano Dona, segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori – La fondamentale operazione dei carabinieri dei NAS, che hanno sequestrato 600 tonnellate di alimenti negli ultimi giorni in diverse regioni italiane, conferma la necessità di rafforzare i controlli per impedire l’ingresso in Italia di prodotti alimentari che non sono sani e sicuri".

Comments are closed.