SICUREZZA ALIMENTARE. Nas e Coldiretti siglano accordo di collaborazione

Il Comando Carabinieri per la tutela della salute e Coldiretti hanno presentato oggi un accordo di collaborazione nel settore della sicurezza alimentare. L’intesa prevede cooperazione tra gli agricoltori e i Carabinieri in molteplici settori: da quello formativo con la previsione di corsi per il corpo sui processi produttivi a quello di studio con l’elaborazione di progetti su temi che ricorrono nell’alimentazione.

"Coldiretti – ha detto il presidente Sergio Marini– metterà a disposizione dei Nas la propria banca dati. Sarà inoltre importante la collaborazione nel campo dei prodotti importati: temiamo che possano esserci dei problemi proprio su quanto arriva dall’estero. Ecco perché invitiamo le dogane ad un rafforzamento del loro lavoro".

Il generale dei Nas Saverio Cotticelli ha definito l’iniziativa "molto coraggiosa da parte degli agricoltori che hanno così deciso di aprire la porta a chi deve controllare. L’intesa è in realtà una cooperazione a tre: il consumatore, il produttore e i Carabinieri". Marini ha sottolineato come l’accordo testimoni "l’impegno della Coldiretti sul fronte della sicurezza alimentare e delle legalità". D’altra parte "in ogni occasione di frode c’è una grande sofferenza da parte delle imprese che lavorano con onestà – ha aggiunto Marini. "La vera mina vagante che può uccidere il Made in Italy è la contraffazione".

Sul fronte delle pene Cotticelli ha annunciato che il Corpo "è allo studio di nuove sanzioni interdittive da presentare a livello europeo. L’obiettivo è impedire che persone condannate in Italia possano successivamente aprire attività in altri paesi anche extra europei".

Comments are closed.