SICUREZZA ALIMENTARE. Nas: maxi operazione da 11 mln di euro. E. Coli: negativi tutti i controlli

Ammonta a oltre 11 milioni di euro il valore delle circa 2mila confezioni di prodotti (oltre 2.694 tonnellate litri) sequestrate dai Nas nel corso dell’operazione straordinaria "Dal campo alla tavola" (1.663 ispezioni in sole due settimane) realizzata proprio in "relazione agli ultimi allarmi sulla sicurezza degli alimenti". Insomma, si va per cercare Escherichia coli e si trova dell’altro: prodotti in pessime condizioni igienico-sanitarie, alterati con date di scadenza posticipate. Come ha precisato il colonnello Concezio Amoroso, vice comandante Carabinieri Nas "a seguito dell’allarme E. coli abbiamo effettuato controlli su tutto il territorio nazionale dai depositi ai mercati ortofrutticoli. I sequestri di cetrioli avvenuti sono stati effettuati per motivazioni diverse dall’E. coli. Infatti tutti i test in questo senso sono risultati negativi".

C’è di più. A seguito del nuovo allerta partito dalla Germania a titolo precauzionale sui semi di leguminose i Nas hanno avviato, oltre l’ordinaria attività di controllo, azioni straordinarie proprio in questo comparto merceologico.

Nel mirino dei Nas non solo depositi e mercati ortofrutticoli ma anche supermercati, bar e ristoranti. In tutto l’operazione "Dal campo alla tavola" ha visto il controllo di circa 140 siti per i quali si è resa necessaria l’adozione di provvedimenti di sequestro o chiusura immediata per un valore di oltre 56 milioni di euro. Ad esempio a Parma i Carabinieri hanno richiesto la chiusura di un deposito alimentare abusivo dove è tata rilevata la presenza di sporcizia ed escrementi di roditori. L’azione ha portato al sequestro di oltre un milione di lattine di bevande varie per circa 500mila litri. A Salerno, invece, è stato sequestrato un panificio in pessimo stato igienico sanitario e strutturale. Sono state inoltre trovate circa 2 tonnellate di pane e materie prime insudiciate.

Non mancano i casi di adulterazione contraffazione di prodotti di qualità. I Nas di Firenze hanno sequestrato oltre 700 litri di olio taroccato composta da una miscela di olio di semi e clorofilla, spacciato per extravergine di oliva a ignari ristoratori toscani. Mentre ad Alessandria i Nas hanno denunciato, in collaborazione con l’Ispettorato per il controllo centrale della tutela della qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari, il titolare di una cantina vinicola dell’astigiano per frode in commercio, sequestrando quasi 24mila bottiglie di vino spumante che decantavano in etichetta la dicitura in lingua inglese "per cinque generazioni abbiamo prodotto orgogliosamente spumante con uve sceltissime locali", mentre dagli accertamenti è emerso che le uve erano di origine spagnola.

Escherichia coli a parte, sono molti altri i problemi di cui dovremmo preoccuparci quando si tratta di sicurezza alimentare. Ma il colonnello Amoroso rassicura che " si tratta di problematiche che fanno male soprattutto al portafoglio degli italiani. I controlli in Italia ci sono e non si può parlare di allarme".

A cura di Silvia Biasotto

Comments are closed.