SICUREZZA ALIMENTARE. Nocciolata Rigoni ritirata dal mercato su segnalazione di Altroconsumo

Un nuovo prodotto alimentare sotto accusa. Si tratta della Nocciolata Rigoni: contiene la mandorla, che rientra tra la frutta a guscio considerata allergene, pertanto la sua presenza, per legge, deve essere dichiarata in etichetta in modo che le persone sensibili a tale sostanza siano avvisate. L’allarme arriva da Altroconsumo che, durante un’analisi condotta su vari prodotti per cercare la presenza di eventuali allergeni e verificare l’ottemperanza alla legge che ne prevede l’indicazione in etichetta, ha riscontrato la presenza di mandorla (20 mg ogni kg) nelle confezioni di "Nocciolata" da 350 grammi con scadenza il 14/03/2013 e numero di lotto N30741001.

Altroconsumo ha subito avvisato il Ministero della Salute, che ha comunicato la cosa alle istituzioni europee (e a inserirlo nel sistema di allerta rapido europeo) poiché il prodotto è distribuito non solo in Italia, ma anche in molti Paesi europei ed extraeuropei, come la Cina.

Altroconsumo precisa che il rischio legato al consumo di questo prodotto non è esteso a tutta la popolazione, ma solo a chi è allergico alla mandorla, ma per queste persone le conseguenze possono essere molto serie. In occasione delle analisi dell’Associazione, sono state riscontrate tracce di mandorla, la cui presenza non era citata in etichetta, anche nel prodotto COOP Solidal, una crema spalmabile con nocciole e cacao magro. In questo caso la quantità rilevata è però inferiore a 2.5 mg ogni kg.

Comments are closed.