SICUREZZA ALIMENTARE. Piombo in alimenti, interrogazione dei senatori Poretti e Peduca

Mercoledì scorso l’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, ha pubblicato un parere scientifico sui possibili rischi per la salute umana della presenza del piombo negli alimenti. E la preoccupazione dell’Efsa si rivolge anche al piombo che si trova nella polvere di casa: per gli adulti l’esposizione al piombo non è rischiosa, ma lo è per i bambini.

"La preoccupazione maggiore – sottolinea l’Aduc in una nota – riguarda gli effetti sullo sviluppo neurologico dei feti, dei neonati e dei bambini, che ha portato a una riduzione diffusa del quoziente di intelligenza (IQ), con diminuzione delle funzioni cognitive dei minori fino a sette anni di età europei". L’Aduc ricorda che l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha classificato il piombo inorganico come probabilmente cancerogeno per l’uomo.

E la questione della pericolosità del piombo negli alimenti è stata oggetto di un’interrogazione presentata oggi ai Ministri della Salute e delle Politiche Europee dai senatori Donatella Poretti e Marco Peduca. "Secondo questi dati scientifici – hanno sottolineato i senatori – esistono le condizioni per cui la Commissione europea modifichi le linee guida esistenti per la tutela della salute pubblica, rivedendo gli attuali livelli di esposizione al piombo, sia dagli alimenti che da altre fonti". Nell’interrogazione i senatori chiedono se i Ministri intendono farsi portatori di tale istanza in sede comunitaria.

Comments are closed.