SICUREZZA ALIMENTARE. Pomodori dalla Cina, Ministro Galan: “Controlli per tutelare consumatore”

Pomodori dalla Cina: bisogna verificare che i prodotti trasformati venduti come interamente italiani siano tali. Per questo "darò disposizione – ha detto il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Giancarlo Galan intervenendo sul fenomeno dell’importazione dei pomodori dalla Cina – affinché l’Ispettorato Centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari e repressione frodi e il Corpo forestale dello Stato si attivino per effettuare questo genere di controlli affinché i consumatori che scelgono di acquistare pomodori italiani possano essere certi del loro acquisto."

Dati recenti, ha detto Galan, parlano di un aumento del 173% in un anno di pomodori importati dalla Cina: "Si tratterebbe di un quantitativo equivalente a circa il 10% della produzione di pomodoro fresco destinato alla trasformazione realizzata in Italia, che nel 2009 è stata pari a 5,73 miliardi di chili. Si tratta per lo più di pomodoro conservato o concentrato destinato alla trasformazione".

Ha aggiunto Galan: "Prescindendo da ogni considerazione sulla salubrità del prodotto, che voglio dare per scontata e che sono certo sarà passata al vaglio dagli organi di controllo preposti, credo sia necessario, in attesa di una normativa più certa sull’etichettatura d’origine, verificare che le confezioni di pomodoro trasformato in cui il produttore volontariamente vanta un prodotto interamente italiano siano veritiere."

Comments are closed.