SICUREZZA ALIMENTARE. Umbria, servizi “certificati” per garantire salute e sostenibilità

Garantire salubrità, sicurezza e sostenibilità, fornendo servizi "certificati" ad alto contenuto tecnologico. Queste le priorità di "Biotecnologie BT srl", società a partecipazione mista pubblico-privata con sede a Pantalla di Todi (Pg). Principale attività della società è quella esercitata nell'ambito del Parco tecnologico alimentare della regione Umbria. "Biotecnologie BT – spiega l'amministratore delegato Franco Seghini – collabora attualmente in 14 progetti di ricerca altamente innovativi promossi da regione Umbria, società "3A-Pta", Ministero per la Ricerca e Unione Europea".

 

Nei giorni si sono incontrati i vertici dell'amministrazione regionale, del ministero delle Politiche Agricole e del gruppo dirigenziale della società, per fare il punto sui progetti e le nuove iniziative da realizzare sul territorio. Attualmente la "Biotecnologie BT srl", nella gestione del Parco tecnologico agroalimentare umbro, dispone di un organico di 12 unità e 5 collaboratori a progetto. Nove le unità operative: agronomica (test di valutazione dell'efficacia degli agrofarmaci); ecotossica ("organismi acquatici" e "organismi utili"); microbiologica (controllo dei prodotti agroalimentari, parafarmaceutici, cosmetici); ambientale (valutazione di impatto delle sostanze "xenobiotiche", "estranee cioè agli organismi viventi, quali erbicidi, pesticidi, fluidi frigoriferi, solventi ed altri composti organici, controllo di sostanze tossiche degli alimenti e valutazione degli effetti di radiazione solare sulle sostanze "test"); chimico-fisica (tset su vari prodotti tecnici); ricerca (sviluppo di nuovi prodotti per la difesa delle colture e per l'industria agrolimentare); produzione e qualità (sviluppa nel proprio "impianto pilota" nuovi processi produttivi e soluzioni innovative di prodotti biotecnologici).

Comments are closed.