SICUREZZA STRADALE. Camera approva Codice della Strada. La parola al Senato

Ieri la Commissione Trasporti della Camera dei Deputati ha approvato, in sede legislativa, la riforma del Codice della Strada. "Desidero esprimere vivo compiacimento per l’approvazione unanime della Camera dei deputati della riforma del Codice della Strada e ringraziare tutti i gruppi di maggioranza ed opposizione per la sensibilità dimostrata verso una tematica così importante. Auspico ora che il Senato approvi rapidamente la legge in modo da poter avere per la seconda metà dell’estate la vigenza del nuovo Codice, che risponde alle auspicate maggiori necessità di sicurezza sulle nostre vie di comunicazione", ha dichiarato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Altero Matteoli.

Anche Adiconsum Lazio sollecita il Senato a licenziare senza ulteriori ripensamenti il testo del nuovo Codice della Strada: "L’approvazione del nuovo Codice della strada dipende, per la seconda estate consecutiva, dalla velocità con cui il Senato saprà fare la sua parte. Il nuovo Codice è un punto irrinunciabile per diminuire morti, feriti e costi al cittadino, ma non possiamo perdere un’altra estate. Siamo ancora fermi a 16 morti al giorno", ha commentato Fabrizio premuti, Presidente Adiconsum Lazio sottolineando che "Lo stesso sollecito non fu raccolto l’anno scorso, e il Paese è rimasto fermo a 16 morti al giorno. Così siamo ancora qui a ricordare che la strada costa agli italiani oltre 5.000 morti e oltre 300.000 feriti all’anno, senza calcolare i morti oltre le 24 ore dall’incidente, che spesso fuggono il conteggio. Una strage che il nuovo codice della strada si propone almeno di dimezzare; senza dimenticare i 33 miliardi di oneri sociali che gravano sulla collettività".

Comments are closed.