SICUREZZA STRADALE. Emendamento sulle auto blu, Dona: “Contrari, si riduca invece il numero”

E’ all’esame della Commissione Lavori Pubblici del Senato il ddl che riforma il Codice della Strada. Al centro delle critiche è l’emendamento presentato da Cosimo Gallo, senatore del Pdl, che propone un permesso speciale per autisti delle "auto blu" che, se infrangono il codice della Strada, non devono vedersi sottrarre i punti dalla patente. Il PD si è opposto in Commissione sostenendo che il provvedimento finirà per favorire le infrazioni delle "auto blu", costituendo un ulteriore incentivo a violare il Codice della Strada.

"La proposta di esentare gli autisti delle auto blu dal ritiro dei punti della patente ci vede assolutamente contrari". E’ il commento di Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC). "In questo momento di grave crisi economica – incalza Dona – il Parlamento dovrebbe occuparsi di come tagliare gli sprechi della Pubblica Amministrazione e non di evitare multe e sanzioni per gli autisti indisciplinati". "Si pensi piuttosto ad un provvedimento che riduca il numero delle auto blu -conclude il Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori- visto che in Italia ne circolano circa 600mila: un numero spropositato rispetto ad altri Paesi europei come Francia, Gran Bretagna e Germania".

 

Comments are closed.