SICUREZZA STRADALE. Firmata intesa fra Fondazione ANIA e Ministero Interno

Per la sicurezza stradale, contro la guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti, per l’aumento dei controlli sui mezzi pesanti, per sensibilizzare sui pericoli della guida rischiosa: con questi obiettivi Fondazione ANIA per la sicurezza stradale e Ministero dell’Interno hanno firmato oggi un nuovo patto, un protocollo d’intesa sottoscritto dal Ministro dell’Interno Roberto Maroni e dal presidente della Fondazione ANIA Sandro Salvati, per aumentare i controlli sulle strade.

Le Forze dell’Ordine saranno dotate di strumenti tecnologicamente avanzati per verificare l’assunzione di alcol e droghe da parte dei guidatori e il rispetto della normativa sui tempi di guida e di riposo da parte degli autotrasportatori. La Fondazione ANIA, in accordo con il Ministero dell’Interno, doterà infatti le Forze dell’Ordine di 150 precursori digitali per l’alcol e di 20 postazioni complete Police Controller per l’attività di controllo sui mezzi pesanti.

Ha commentato il presidente Salvati: "La sigla del protocollo odierno rappresenta un importante passo avanti nella lotta all’incidentalità stradale. Per la prima volta c’è un interesse comune e sia le istituzioni pubbliche sia le istituzioni private hanno "fatto sistema" per affrontare questo problema". Ha detto a sua volta il ministro Maroni: "Abbiamo investito molto nella sicurezza stradale. Parlano i risultati finora ottenuti grazie alle modifiche apportate al sistema legislativo, al rafforzamento dei controlli sul traffico e i numerosi progetti di informazione e sensibilizzazione promossi in collaborazione con l’ANIA". Il protocollo di oggi, ha spiegato il Ministro, rappresenta un’ulteriore iniziativa tesa a ridurre l’indice di mortalità tra i giovani, per il quale si è registrato un trend positivo negli ultimi due anni. "La nostra ambizione – ha detto Maroni – è raggiungere l’obiettivo europeo 2012-2020 di dimezzare la mortalità sulle strade".

L’assunzione di alcol e droga da parte degli automobilisti e la stanchezza sono tra le principali cause degli incidenti stradali più gravi che si verificano sulle strade. Secondo una stima dell’Istituto Superiore di Sanità, gli incidenti provocati da conducenti in stato psicofisico alterato da alcol e droga corrispondono al 30% del totale dei sinistri che avvengono in Italia.

Comments are closed.