SICUREZZA STRADALE. Fondazione ANIA e Carabinieri: più pattugliamenti contro incidenti

Si chiama "Adotta una strada" l’iniziativa che la Fondazione ANIA per la sicurezza stradale, insieme con l’Arma dei Carabinieri, realizza a partire da oggi e fino al 20 settembre su tre strade ad alta incidentalità del Nord, del Centro e del Sud Italia (la Romea, la Nettunense e la Silana-Crotonese). Il progetto nasce a seguito di un protocollo di intesa che la fondazione ha siglato a fine 2010 con le forze dell’ordine e con il ministro dell’Interno Roberto Maroni per raggiungere gli obiettivi di riduzione e prevenzione dei sinistri stradali e nel concreto si realizzerà attraverso un aumento dei pattugliamenti per accertamenti sull’idoneità psicofisica dei conducenti e la distribuzione di 50 mila etilometri monouso per gli automobilisti che superano il controllo.

Secondo i soggetti firmatari, oltre che sulle autostrade, è necessario estendere tali iniziative su altre tipologie di arterie: nel 2009, infatti, sono stati registrati quasi 2000 morti sulle strade extraurbane italiane, pari al 47,1% del totale delle vittime e gli incidenti stradali sono aumentati del 2,6%, un dato in controtendenza rispetto all’andamento dell’ incidentalità italiana che ha registrato una diminuzione dell’1,6%. "Abbiamo scelto di operare tale intervento sulle strade più pericolose d’Italia", ha detto il generale di Brigata dell’Arma dei Carabinieri, Gaetano Maruccia, stamani a Roma, durante la conferenza stampa di presentazione del progetto, spiegando che sulla Nettunense è stata registrata una media di cinque incidenti per chilometro. "I controlli – ha proseguito Umberto Guidoni, segretario generale della fondazione Ania – saranno un fattore determinante per la riduzione degli incidenti perché il codice stradale verrà percepito finalmente come un insieme di regole civili da rispettare: è stato dimostrato, infatti, che, nonostante il 90% degli italiani ritenga intollerabile il mancato rispetto delle regole, il 70% dichiara di non rispettare il codice della strada".

Comments are closed.