SICUREZZA STRADALE. Indagine Dueruote: troppi incidenti. Colpa degli “smanettoni”

Troppi incidenti e in crescita. Sotto accusa le superpotenze delle moto e gli eccessi di molti smanettoni. Eppure la maggior parte dei sinistri avviene in città, nel classico spostamento casa-lavoro. E’ quanto rivela un’inchiesta pubblicata dal mensile Dueruote, il mensile di Editoriale Domus che, nel numero in edicola in questi giorni, riporta commenti, analisi e proposte dei maggiori esperti italiani.

A fare notizia ogni lunedì sono i numeri relativi agli incidenti accaduti su strade e autostrade durante il week-end, ma le statistiche segnalate a Dueruote dagli esperti raccontano un’altra realtà. Infatti, quasi il 90% dei decessi avviene in ambito urbano, per colpa di un traffico caotico, di strade in pessimo stato, di trasporti pubblici inefficienti che spingono all’utilizzo delle due ruote come obbligo e non come scelta, dei mancati controlli sui comportamenti indisciplinati e pericolosi dei guidatori delle due e delle quattro ruote. L’esame per la patente, quello basato sui quiz, non basta più, serve un’educazione stradale "vera", si deve puntare sui corsi di guida per integrare la classica "prova pratica".

Secondo l’indagine risulta che le vittime siano soprattutto persone fra i 20 e i 65 anni d’età, che si muovono in città fra le 7 e le 9 del mattino o fra le 16 e le 18. Eccola qui la strage rimossa dalle nostre coscienze: si muore anche e soprattutto a 40 Km/h, andando al lavoro.

Comments are closed.