SICUREZZA STRADALE. Microcar, Adiconsum: modificare norme per renderle più sicure

Microcar: per Adiconsum "le deroghe alle norme di sicurezza concesse su questi veicoli sono le vere responsabili delle troppe vittime". L’associazione chiede dunque modifiche alla normativa, più controlli e l’innalzamento dell’età di guida. "Adiconsum – ha detto Pietro Giordano, segretario nazionale – non chiede l’eliminazione di questo tipo di veicolo, ma norme che ne garantiscano la sicurezza al pari degli altri veicoli e l’innalzamento dell’età di guida (16 anni)".

L’associazione elenca dunque una serie di domande che evidenziano la criticità delle "macchinine" in uso a tanti giovanissimi: "Chi ha vincolato al peso la possibilità di omologazione di questi veicoli dimenticando che air bag, retrovisori, barre antintrusione non sono pesi inutili, ma sistemi di sicurezza? Chi ha permesso ai giovanissimi di condurle senza un test pratico di guida e solo dopo un corso "teorico" per ciclomotori? Chi ha concesso l’uso di motori di 500cc per limitarne la velocità normativamente a 45 Km/h? Chi ne permette l’omologazione senza aver prima effettuato dei crash test? Perché non favorire energia alternativa e motori elettrici sulle microcar?". Domande al momento senza risposta. A partire da queste, l’associazione chiede al Ministero dei Trasporti una normativa che renda più sicure le minicar, e a Polizia Stradale e Polizie locali un aumento dei controlli per prevenire la diffusione di modifiche ai motori delle minicar per farle correre di più di quanto stabilito.

Comments are closed.