SICUREZZA STRADALE. Oggi e domani le giornate europee della sicurezza stradale

Oggi e domani a Bruxelles si tiene la terza edizione delle giornate europee della sicurezza stradale e per l’occasione la Commissione europea ha organizzato una conferenza che tratterà diversi temi, dai feriti alle infrastrutture, e si soffermerà sulla lotta transfrontaliera alle infrazioni stradali, che sono tra le principali cause di morte. Rispetto al 2001 il numero delle vittime della strada si è ridotto del 44% in tutta l’Ue; in Portogallo, Estonia, Lituania, Spagna e Francia, il numero si è dimezzato. Ma le cifre sono ancora molto elevate: nel 2009 più di 35.000 persone sono morte sulle strade dell’Unione europea. Secondo le stime, per ogni morto sulle strade d’Europa ci sono 4 invalidi permanenti, che subiscono lesioni cerebrali o spinali, 10 feriti gravi e 40 feriti lievi. I costi economici per la società sono stimati a 130 miliardi di euro all’anno.

La conferenza sulla sicurezza stradale è l’occasione per presentare al pubblico gli orientamenti strategici della politica europea per la sicurezza stradale per il periodo 2011-2020, adottati dalla Commissione il 20 luglio scorso. E’ stato organizzato un seminario dedicato a come migliorare il coordinamento transfrontaliero tra le polizie e le autorità giudiziarie per combattere le infrazioni più gravi. Sul piazzale del Parlamento europeo è stato allestito un "villaggio della sicurezza stradale".

 

Comments are closed.