SICUREZZA STRADALE. Ogni anno 70 bambini deceduti, Aci: “Attenzione ai seggiolini low cost”

In Italia ogni anno sono 70 i bambini deceduti e oltre 8.300 feriti nella classe di età tra 0 e 12 anni a bordo delle automobili. In particolare, nel 2004 la Valle d’Aosta e il Molise hanno registrato il più basso numero di feriti tra i bimbi, ma la situazione è fortemente critica in Lombardia e nel Lazio dove si superano i 1000 feriti l’anno. E’ quanto si legge in una nota dell’Aci (Automobile Club d’Italia) in cui l’associazione rilancia i dati italiani dell’ultimo test realizzato dall’ADAC, l’Automobile Club di Germania, che ha valutato la sicurezza, la facilità di uso, il comfort e le caratteristiche di 31 seggiolini per bambini presentati sul mercato nel corso del 2005.

La selezione – si legge nella nota – copre ogni classe di peso e spazia in tutte le fasce economiche: oltre ai seggiolini più costosi, sono stati testati anche tre seggiolini "low cost", il cui prezzo non supera i 60 euro. In linea di massima i test evidenziano un miglioramento generale degli standard di sicurezza, in linea con il trend positivo degli ultimi anni, ma permangono problemi nella chiarezza delle istruzioni di montaggio e nella semplicità d’uso.

Per quanto riguarda i "low cost" i dati rilevano che questa categoria di seggiolini difficilmente raggiungono la sufficienza nel giudizio complessivo. Tra i risultati di quest’anno si conferma la tendenza che vede i seggiolini "universali", adattabili a più classi di peso, come i meno sicuri. In quest’ultimo test ADAC, 15 seggiolini hanno ottenuto il risultato "buono", 8 "soddisfacente", 5 sono risultati "sufficienti" e 3 hanno ottenuto l’insufficienza.

Per maggiori informazioni visita il sito dell’Aci.

Comments are closed.