SICUREZZA STRADALE. Quattroruote denuncia: patenti restituite troppo in fretta ai pirati

Che cosa succede ai pirati della strada che hanno provocato i più gravi incidenti degli ultimi due anni? A molti di loro è già stata restituita la patente e sono dunque di nuovo in giro per le strade. Lo ha verificato Quattroruote e lo racconta nel numero di dicembre. Quattroruote ha scoperto che Marco Trabucchi, accusato di aver provocato uno scontro fra un tram e un autobus davanti a Palazzo di Giustizia di Milano (un morto), può circolare liberamente (il processo non è neppure entrato nel vivo del dibattimento) perché la patente gli è già stata restituita.

"E sono liberi – fra poco potranno tornare a guidare, al termine di un anno di sospensione della patente – anche Pier Francesco Milani, che nell’hinterland milanese investì un gruppo di gitanti uccidendone due, e Bruno Radosavijevic, il croato che alla periferia di Roma travolse undici persone alla fermata dell’autobus ferendone gravemente tre. I due pirati erano stati condannati, rispettivamente, a due anni e mezzo e tre anni per omicidio colposo".

"E’ in carcere, invece, Daniel Serban, il rumeno che a Roma, ubriaco e senza patente, dopo avere provocato un incidente mortale si era diretto a bere una birra in un vicino bar. Anche Stefano Lucidi, il pirata della Nomentana che uccise, privo di patente, una coppia di giovani fidanzati, è in carcere; ma era stato condannato a dieci anni per omicidio volontario, mentre in appello la pena è stata dimezzata e derubricata a omicidio colposo".

"Una cosa, al di là dell’entità delle pene, è certa: in molti casi ai pirati della strada le patenti vengono restituite troppo in fretta".

 

Comments are closed.