SICUREZZA STRADALE. Quattroruote: italiani al volante più prudenti

Sarà per combattere il caro-carburante, sarà per evitare di cadere nella rete sempre più capillare dei controlli elettronici della velocità, fatto sta che gli automobilisti italiani hanno iniziato ad andare più piano. Secondo il mensile Quattroruote l’inversione di tendenza per un popolo considerato da sempre tra i più indisciplinati è confermata da diverse cifre relative alla prima metà del 2008: da un lato il netto calo del consumo di benzina e gasolio ( a maggio rispettivamente -9 e -3% ), frutto in parte di minori percorrenze, in parte di stili di guida molto più prudenziali. In poche parole: con la benzina a un euro e mezzo e oltre, tirare le marce è un lusso che molti italiani non si possono più permettere.

Ma anche i dati in possesso di Autostrade per l’Italia confermano in maniera inoppugnabile questa tendenza: nei tratti rilevati dal sistema ‘Tutor’ (circa mille chilometri di rete), le velocità medie sono scese del 15%, con una flessione anche superiore, fino al 25% delle velocità di punta. Nel numero di luglio ‘Quattroruote’ racconta con quali accorgimenti gli italiani stanno riducendo la loro personalissima bolletta petrolifera, aggiungendo una serie di consigli per diventare sempre più virtuosi e battere il caro-pieno. Il mensile spiega anche a chi conviene trasformare la propria auto a metano o GPL, rivelando che proprio quest’ultimo combustibile dovrebbe mantenere nei prossimi anni i prezzi più convenienti, mentre per il gasolio si pronosticano ulteriori forti rincari.

Comments are closed.