SICUREZZA STRADALE. Viasat Group: luglio il mese dell’anno con più incidenti

A luglio cominciano le vacanze estive e, purtroppo, si moltiplicano gli incidenti stradali. Luglio, è infatti, il mese dell’anno in cui si verifica il numero più alto di incidenti: dei 218.963 incidenti stradali che si verificano ogni anno, che provocano la morte di 4.731 persone (13 al giorno) e il ferimento di altre 310.739 (849 al giorno), luglio ha il primato con 21.369 incidenti, 487 morti (in media 16 al giorno) e 29.924 feriti. Gli altri mesi più a rischio sono giugno (19.579 incidenti l’anno che provocano 463 morti e 27.929 feriti) e agosto (17.039 incidenti l’anno che provocano 452 morti e 24.888 feriti).

Sono gli ultimi dati disponibili di Viasat Group, società leader in Europa nel settore della sicurezza satellitare, pubblicati sulla Quinta edizione della Guida alla Sicurezza Stradale. La società mette in guardia chi si appresta ad utilizzare l’automobile per raggiungere i luoghi di villeggiatura: è sulle strade urbane che si verificano il maggior numero di incidenti (76,8%), migliore è invece la situazione sulle autostrade e nelle città.

La Lombardia è la regione dove si fanno più incidenti (41.827 l’anno) e dove si muore di più, seguita dal Lazio (27.735 incidenti l’anno). Il venerdì e il sabato si confermano i giorni più pericolosi della settimana. È proprio durante il periodo estivo che gli automobilisti sentono di più l’esigenza di servizi legati all’assistenza stradale, sanitaria e di infomobilità, spaventati da eventuali inconvenienti che si possono registrare durante lo spostamento in macchina verso le località di vacanza.

"In tal senso – commenta Domenico Petrone, Presidente Viasat Group – dispositivi satellitari quali l’SOS Call o la Pink Box risultano essere determinanti per il recupero dell’auto in caso di furto, per fornire un immediato soccorso medico in caso di incidente o malore, meccanico e delle forze dell’ordine se ci si sentisse in pericolo o minacciati, per comunicare informazioni stradali o sul traffico. Insomma, per vivere la strada in tutta sicurezza".

Comments are closed.