SICUREZZA. Adottata la proposta Ue sull’avvertimento obbligatorio per i giocattoli con magneti

Gli Stati membri, nell’ambito del comitato della direttiva sulla sicurezza generale dei prodotti, hanno adottato oggi una proposta della Commissione europea secondo la quale su tutti i giocattoli che contengono dei magneti, sarà obbligatorio apporre un avvertimento. Per essere commercializzati nell’Unione tali prodotti dovranno recare sull’imballaggio o sul gioco stesso un’indicazione della presenza di composti magnetici che possono staccarsi ed essere ingeriti dai bambini a causa della loro dimensione.

L’avvertimento dovrà essere di questo tipo: "Attenzione! Questo gioco contiene dei magneti o dei composti magnetici. I magneti incollati gli uni agli altri o ad un oggetto metallico all’interno del corpo umano possono causare lesioni dalle conseguenze mortali. In caso di ingestione o di inalazione dei magneti, chiedere immediatamente un’assistenza medica".

Negli ultimi due anni, soprattutto, si sono verificati numerosi incidenti a livello mondiale causati dall’ingestione, da parte dei minori, di piccoli pezzi magnetici che si sono staccati dai giocattoli. Oltre ad un incidente mortale accaduto negli Stati Uniti nel 2006, si ricordano almeno una dozzina di casi di ingestione di componenti magnetici da parte di bambini che sono stati poi sottoposti ad interventi chirurgici: i magneti si attirano reciprocamente e possono provocare perforazioni intestinali. Dall’autunno 2007 la Commissione ha realizzato diverse misure di controllo sulla sicurezza dei giocattoli e alcuni Stati membri, come Francia e Germania, hanno già messo in atto alcuni accorgimenti. Numerosi produttori di giocattoli hanno lanciato recentemente campagne informative sui giochi contenenti dei magneti: il caso più eclatante è stato quello della Mattel che, durante l’estate del 2007, ha menzionato circa 18 milioni di giochi nel mondo.

Il testo ora dovrà essere sottoposto al Parlamento europeo, prima di arrivare al Collegio dei commissari per l’adozione definitiva all’inizio del mese di aprile. Nel frattempo il Comitato europeo di normalizzazione dispone di due anni per formulare una norma che propone soluzioni di fabbricazione appropriate per i produttori di giocattoli.

"Aumenta sempre di più il rischio di lesioni reali causate da questi piccoli magneti che si distaccano dai giocattoli e vengono ingeriti dai bambini", ha dichiarato la Commissaria europea per la tutela dei consumatori, Meglena Kuneva. "Questo avvertimento è una misura temporanea in attesa della modifica della norma europea. Servirà ad indicare chiaramente i rischi che si corrono con alcuni giochi e Inciterà i genitori a vigilare", ha aggiunto la Commissaria.

LINK: http://ec.europa.eu/consumers/safety/news/index_en.htm

Comments are closed.