SICUREZZA. Allerta comunitario, 3291 notifiche nel 2010. Primato all’Italia

Nel 2010 sono state trasmesse, attraverso il Sistema di allerta rapido comunitario (RASFF), 3291 notifiche, confermando il trend in aumento degli ultimi anni. L’Italia è risultato essere il primo Paese membro nel numero di segnalazioni inviate alla Commissione Europea anche nel 2010, come già avvenuto negli anni precedenti, dimostrando una intensa attività di controllo sul territorio nazionale, con un totale di 548 notifiche (pari al 16.7%). Dopo l’Italia vengono la Germania (400) e la Gran Bretagna (326), seguite da Spagna, Olanda e Francia.

In particolare, 2873 notifiche hanno riguardato l’alimentazione umana (2813 nel 2009), 190 l’alimentazione animale (201 nel 2009) e 229 la migrazione di materiali a contatto con gli alimenti. La Commissione ha inoltre trasmesso 62 news, seguite da 129 follow-up. Anche il numero delle news è aumentato rispetto allo scorso anno (42).

Tra i contaminanti microbiologici, un elevato numero di notifiche riguardano ancora il riscontro della Salmonella (338 notifiche contro le 314 dell’anno precedente). Tra queste, 120 si riferiscono all’alimentazione animale, con un trend positivo se confrontate con le 88 segnalazioni dell’anno precedente. A differenza del passato nel corso del 2010 non sono pervenute notifiche per riscontro di Salmonella in vegetali.

I contaminanti chimici più frequentemente notificati attraverso il RASFF sono le micotossine, seguiti dai residui di fitofarmaci e da migrazioni di materiali destinati al contatto con gli alimenti.

Per quanto riguarda la presenza di corpi estranei si assiste ad un calo delle notifiche, anche se diverse segnalazioni riguardano principalmente il riscontro di parti di vetro e di metalli. Ancora numerose risultano le notifiche riguardanti la presenza di sostanze allergeniche non dichiarate in etichetta (67), anche se si assiste ad una diminuzione rispetto al numero di allerta riportate nell’anno 2009.

Per quanto riguarda le categorie di prodotti, le principali irregolarità sono state riscontrate nella frutta secca (principalmente per micotossine, attraverso respingimenti della merce ai porti) e nei prodotti della pesca, anche se in diminuzione rispetto agli anni precedenti. Si è assistito, invece, ad un aumento di notifiche per la frutta e vegetali, erbe e spezie e la carne escluso il pollame.

Comments are closed.