SICUREZZA. “Arriva la neve..usate la testa”, i consigli dell’UNI per gli sport invernali

Il rispetto della segnaletica, oltre che sulle strade, è importante sulle piste da sci. L’UNI, Ente Nazionale Italiano di Unificazione, invita tutti gli appassionati della montagna a fare attenzione ai segnali che avvisano del pericolo valanghe, ad esempio il rettangolo a quadretti gialli e neri con il cerchio rosso e la scritta nera "Chiuso" (in quattro lingue) che vieta il passaggio, oppure il rettangolo rosso e blu con la mano bianca e la scritta "Stop pericolo di valanghe".

L’UNI ricorda che i gestori degli impianti di risalita sono obbligati per legge a installare segnali sulle piste da sci (il cui grado di difficoltà deve inoltre sempre essere segnalato con appositi cartelli rotondi di colore blu, rosso o nero) che indichino, in maniera corretta e visibile, pericoli e divieti. I cartelli – una trentina circa in tutto, destinati all’informazione del pubblico – devono avere forma, dimensioni, altezza dal suolo, colori, segni grafici corrispondenti alle norme UNI proprio per rendere più facile l’apprendimento, la memorizzazione e l’interpretazione delle varie informazioni.

I cartelli, a seconda del messaggio, sono suddivisi in segnali di:

  • pericolo (triangolari con fondo giallo) che indicano ad esempio: strettoia, incrocio, crepaccio, cannone sparaneve, dosso, cunetta, mezzo battipista
  • divieto (rotondi) che indicano ad esempio: il divieto di camminare sulla pista da sci, usare la slitta, usare lo snowboard, sciare nel bosco
  • obbligo (rotondi) che indicano ad esempio: utilizzo del casco per i ragazzi al di sotto di 14 anni
  • informazione (rettangolari/quadrati) che indicano ad esempio: pronto soccorso, pista da snowboard, sentiero invernale, difficoltà della pista.

E’ importante, inoltre, l’utilizzo di materiale tecnico a norma, come i caschi protettivi, i paraschiena, gli occhialoni da sci che devono essere fabbricati con materiali atossici e anallergici, per evitare ogni tipo di reazione cutanea a chi li indossa. Gli occhialoni da sci sicuri sono riconoscibili dalla marcatura CE e dalle informazioni fornite dal fabbricante che devono riportare, per esempio, il numero e la data della norma, il nome e/o il marchio del fabbricante, le istruzioni per l’uso, la manutenzione e la pulizia. Tutte queste informazioni sono contenute nella guida "Arriva la neve… usate la testa" messa a punto dall’UNI: un vero e proprio vademecum che contiene utili informazioni e consigli per chi pratica gli sport invernali. La guida è liberamente scaricabile dal sito dell’UNI

Comments are closed.