SICUREZZA. Commissione Ue si impegna per migliorare il 112, numero unico d’emergenza

La Commissione europea promuove oggi un’iniziativa di sensibilizzazione sul 112, il numero unico europeo da chiamare in caso di emergenza, da qualsiasi parte dell’Ue. L’urgenza di un intervento a sostegno di questo strumento di sicurezza arriva a seguito della richiesta del Parlamento europeo di settembre 2007 di intraprendere azioni comunitarie per informare meglio i cittadini di questo servizio, e a seguito delle numerose procedure di infrazione avviate dalla Commissione contro 14 Stati membri per l’indisponibilità di informazioni sulla localizzazione delle chiamate.

In più da un recente sondaggio condotto all’interno dell’Unione europea, emerge che solo il 22% dei cittadini è in grado di identificare da solo il 112 come numero da chiamare per le emergenze, nonostante il 95% degli intervistati riconosca l’utilità di un numero unico accessibile ovunque ci si trovi. E le autorità nazionali potrebbero fare molto per migliorare l’informazione.

A dimostrare l’importanza di tale servizio è il dato che registra quanti cittadini abbiano avuto, negli ultimi 5 anni, la necessità di chiamare un numero di emergenza: sono uno su 4 e quasi il 40% delle chiamate è stato diretto al 112; l’81% ha ottenuto l’intervento di un’unità di soccorso.

La percentuale degli europei che, nell’ultimo anno, hanno ricevuto informazioni che promuovevano il numero unico d’emergenza, varia di molto da Stato a Stato: i danesi sono il 6%, mentre i cechi il 56%, evidenziando il fatto che i più informati sono i cittadini dei nuovi Stati membri.
Infine il 90% degli europei è dell’opinione che occorre migliorare l’accesso dei disabili ai servizi di emergenza.

"Un numero di emergenza che funzioni effettivamente in tutta l’Unione europea è uno strumento essenziale per garantire la sicurezza dei nostri cittadini", ha dichiarato Viviane Reding, commissaria europea per le telecomunicazioni. "Soprattutto per chi viaggia, la sicurezza in situazioni di emergenza è l’altra faccia della medaglia del mercato unico e delle libertà che questo offre. I cittadini devono avere la possibilità di chiamare lo stesso numero di emergenza in qualunque luogo si trovino od ovunque siano in viaggio in Europa".

"Fino ad ora – ha aggiunto Reding – la Commissione ha dedicato tutte le sue energie ad assicurare che il 112 fosse accessibile in tutti gli Stati membri. È giunto il momento di informare meglio i cittadini sul 112 come numero unico di emergenza da tenere bene a mente. Invito pertanto tutti gli Stati membri a proseguire i loro sforzi per rendere il 112 un servizio totalmente affidabile in tutta Europa e a partecipare a una campagna attiva di promozione del 112".

Prima delle vacanze estive, verranno pubblicati i risultati dell’indagine condotta dalla Commissione europea, attraverso un questionario inviato a dicembre 2007 a tutti gli Stati membri per ottenere informazioni sul funzionamento del 112. Così coloro che partiranno avranno tutte le informazioni sulla situazione del 112 nei paesi dell’Ue in cui desiderano recarsi.

Per maggiori informazioni cliccare qui

Comments are closed.