SICUREZZA. Confconsumatori è parte civile contro Consorzio Autostrade Siciliane

Confconsumatori Nazionale è stata ammessa parte civile dal Giudice del Tribunale di Messina nel procedimento penale che vede imputati due dirigenti del Consorzio Autostrade Siciliane per il reato di omicidio colposo per la morte di un giovane deceduto all’età di 24 anni, a seguito di un incidente autonomo che ha coinvolto l’autoveicolo a bordo del quale viaggiava come passeggero. "Il risultato ottenuto è certamente significativo – afferma il legale dell’Associazione Avv. Carmen Agnello – poichè riconosce un’associazione consumeristica quale soggetto portatore dell’interesse collettivo alla tutela della salute, dell’incolumità e della sicurezza dei cittadini – utenti della strada nell’ambito di un processo penale per omicidio colposo".

Si tratta di un procedimento che vede i dirigenti del CAS imputati di aver colposamente cagionato la morte del giovane omettendo di garantire le condizioni di sicurezza stradale dei luoghi in cui si è verificato il sinistro e precisamente la tangenziale A20 ME-PA, teatro, negli ultimi anni, di numerosi incidenti stradali mortali provocati dalle precarie condizioni di manutenzione in cui versa il tratto in questione di proprietà dell’ANAS ma affidato in concessione al CAS.

Confconsumatori, che ha in più occasioni denunciato omissioni nella manutenzione sia ordinaria che straordinaria del tratto autostradale ME-PA, ha chiesto ed ottenuto il riconoscimento della propria legittimazione ad agire costituendosi parte civile nel procedimento penale in parola.

"Si tratta di una importante vittoria – dichiarano soddisfatti la Presidente Nazionale Mara Colla e il Presidente della Federazione Provinciale di Messina Avv. Fulvio Capria – che consentirà all’Associazione di intensificare e rendere più incisiva la propria battaglia a favore dei cittadini volta ad assicurare il rispetto, da parte dei soggetti responsabili, di adeguate condizioni di sicurezza stradale, nella consapevolezza che da esse dipende spesse volte la vita degli utenti della strada".

Comments are closed.