SICUREZZA. I consigli di Adiconsum per fare regali di Natale “sicuri”

Con l’approssimarsi delle festività, si ripresenta l’occasione dello scambio dei regali che, proprio per l’esiguità delle risorse invoglia l’acquisto dei beni con la consolidata formula "prendi oggi e inizi a pagare fra sei mesi", o a "orientare l’acquirente verso articoli spesso contraffatti, che non sempre , ma spesso significa mancanza di qualità e pericolosità". L’Adiconsum mette in guardia i consumatori sugli acquisti di Natale e fornisce loro qualche consiglio.

In testa alla classifica dei possibili regali "ci sono i giocattoli per cui l’acquisto deve essere ragionato e controllato perché rivolto ad un bambino che è soggetto debole inesperto, perciò per tutelarlo, prima dell’acquisto si deve controllare che la confezione,l’imballaggio o il foglio illustrativo riportino le seguenti indicazioni obbligatorie per legge:

  • la marcatura CE: deve essere apposta in maniera visibile, leggibile e soprattutto indelebile. Il marchio CE attesta solo che il prodotto è stato fabbricato secondo i dettami legislativi: non è sinonimo di sicurezza al 100%! La contraffazione del marchio è uno dei reati più comuni nel mercato clandestino dei giocattoli. Altri marchi come "Giocattoli sicuri" dell’Istituto italiano di sicurezza dei giocattoli e "IMQ" dell’Istituto per il marchio di qualità (per i prodotti elettrici) danno più garanzie, perché indicano che i giocattoli sono stati sottoposti a test di sicurezza;
  • il nome e/o la ragione sociale e/o il marchio, l’indirizzo del fabbricante o dell’importatore: sono importantissimi nel caso di malfunzionamento dell’oggetto o in caso di danno fisico arrecato al bambino;
  • le avvertenze sulle fasce d’età consigliate;
  • le istruzioni d’uso in lingua italiana.

Cosa verificare dopo l’acquisto di un giocattolo?

  • Ritagliare i dati del fabbricante e/o dell’importatore stampati sulla confezione prima di buttarla;
  • eliminare immediatamente gli imballaggi dei giocattoli a forma di sacco per evitare che i bambini possano infilarvi la testa;
  • verificare periodicamente lo stato d’usura dei giocattoli. Se presentano schegge di legno, punte taglienti o tracce di ruggine, non indugiate a disfarvene;
  • accertare che il bambino abbia capito il funzionamento del gioco.

L’Adiconsum invita a segnalare tutto ciò che non è conforme alle normative alla Direzione generale per l’armonizzazione del mercato e la tutela dei consumatori del Ministero dello Sviluppo Economico.

L’associazione dei consumatori indica, infine, alcune importanti regole di comportamento da seguire:

  1. evitare, se possibile, di regalare videogiochi con contenuto violento o eccessivamente conflittuale, magari visionandoli in prova prima dell’acquisto (molti negozi sono attrezzati con le console di prova);
  2. stare vicino ai bambini durante il gioco, magari giocando insieme, in modo da poter suggerire considerazioni "critiche" sul contenuto eventualmente diseducativo o stereotipato ed evitare la "full immersion";
  3. invitare spesso compagni e amici in casa, per favorire il gioco in gruppo e di squadra;
  4. evitare che si sviluppi una preferenza esclusiva per i videogiochi, alternando l’acquisto a libri, giochi da tavolo e giochi didattici.

Comments are closed.