SICUREZZA. I pericoli della spiaggia

Le vacanze, sono arrivate le tanto attese vacanze. Per non trasformare i piaceri del mare in un incubo, è necessario prestare attenzione a una serie di regole che possano aiutare il viaggiatore nei casi di emergenza. Perché stare in spiaggia e farsi il bagno è un momento di piacere che però può nascondere delle piccole insidie. Dalle zanzare alle meduse, dai colpi di sole alle ferite da scoglio, basta qualche piccolo accorgimento e il bagnante potrà risolvere, senza ansie, le contrarietà che a volte rovinano i giorni dedicati alla serenità delle ferie.

I farmaci da mettere in valigia. Inutile portare di tutto e di più. Prima di partire, invece, bisogna scegliere con il proprio medico di famiglia i farmaci più adatti e conservare una lista di ciò che può servire in caso di necessità: analgesici come il paracetamolo, antipiretici per abbassare la temperatura, antinfiammatori per combattere nevralgie e dolori muscolari leggeri sono i farmaci da non dimenticare. Ovviamente in valigia non può mancare un termometro. E per fronteggiare l’emergenza ferite servono disinfettante, cerotti, garza e ovatta. I cerotti sono utili anche per le vesciche sui piedi.

Come proteggersi e come difendersi dagli insetti. Essere punti non è grave, ma se compaiono pallore, nausea, vomito, difficoltà respiratoria è bene chiamare il medico. Ma come evitare questi morsi fastidiosi? Il primo sistema è tenere lontani gli insetti dal luogo in cui si dorme o si soggiorna, per fare questo quindi è molto utile una zanzariera per esempio. Altri sistemi efficaci da usare in ambienti arieggiati comprendono i diffusori elettrici a pastiglia o a carica liquida e le spirali repellenti, che per riscaldamento o per combustione liberano nell’aria sostanze sgradite agli insetti. Mentre, consiglia l’esperto, la strategia migliore per difendersi da punture all’aperto consiste nell’applicare le sostanze repellenti direttamente sulla cute o cercare di non spalmare sulla pelle prodotti che invece possano attrarre l’insetto. Per i bambini più grandi e gli adulti è possibile utilizzare prodotti topici disponibili sottoforma di spray, gel, lozioni o fluidi da spalmare. Per i più piccoli attenersi è necessario attenersi attentamente alle indicazioni del foglietto illustrativo.

Come proteggersi e come difendersi dagli animali velenosi. Oltre agli insetti bisogna stare attenti a un altro pericolo che si insidia tra le spiagge, le pinete e i mari: gli animali velenosi. Quelli più comuni sono meduse e tracine (pesci ragno), ma anche scorpioni e ricci di mare. Una crema al cortisone può essere efficace per curare le punture di scorpione ma è molto utile anche per le meduse e contro il veleno di tracina. I tentacoli della medusa contengono sostanze urticanti e scatenano bruciore, irritazione cutanea, arrossamento, gonfiore fino all’ustione nella sede del contatto. Anche la tracina, pesce che vive nei fondali sabbiosi, ha una puntura dolorosissima ma innocua. Il trattamento è sintomatico: sciacquare con acqua di mare la lesione, applicare una crema a base di cortisone, evitare l’esposizione al sole fino a guarigione. Bene anche una moneta, una lama di coltello, un manico di cucchiaio riscaldati. Per la vipera poi è necessario sapere che non attacca ma si difende e che reagisce solo se disturbata. In caso di morso bisogna evitare di applicare il laccio emostatico, come pure la suzione e l’incisione, è necessario invece immobilizzare la parte colpita con un bendaggio e attivare i soccorsi (il 118). Se è un riccio di mare a pungere è importante non perdere la calma e cercare di staccarlo lentamente perché non si spezzino gli aculei che si sono conficcati nella carne. In ogni caso eliminare i residui con una pinzetta da estetista.

Tutti i rischi del sole e del mare. Infine per prevenire ed evitare colpi di sole, scottature e congestioni è fondamentale l’idratazione (molta acqua minerale e liquidi poco zuccherati), mangiare molta frutta, evitare bibite fredde e mai esporsi al sole nelle ore più calde. Ma se il colpo di sole arriva ugualmente allora bisogna recarsi in un luogo fresco e ventilato, rinfrescare la vittima con un panno bagnato e poi chiamare i soccorsi. Per le ustioni invece bastano impacchi di acqua fredda e gel emollienti. E per le congestioni è utile coprire lo stomaco con coperte e massaggiarlo lievemente, bere bevande calde.

Comments are closed.