SICUREZZA. Lombardia-Ministero Interno, presto accordo di programma

Il Ministro dell’Interno Giuliano Amato ha accolto la proposta del presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni di siglare un accordo di programma sulla sicurezza integrata. "Parliamo di un’intesa innovativo e moderno – ha spiegato Formigoni – che avrà al centro l’obiettivo delle sicurezza integrata, per tutti i cittadini e quindi su tutto il territorio: sicurezza contro la criminalità, naturalmente, ma anche sicurezza ambientale, urbana, stradale, sicurezza rispetto all’abusivismo, alle contraffazioni".

Ammonta ad un milione il numero di stranieri in Lombardia, 9.000 nomadi in 123 campi, di cui 34 autorizzati, e 89 non autorizzati. Regione, Provincia e Comune di Milano presto sigleranno un Protocollo di intesa sul problema dei nomadi, che impegni Polizie Locali e Forze dell’Ordine da un lato e organizzazioni del volontariato dall’altro. "Deve essere – ha sottolineato Formigoni nella nota della Regione – un vero e proprio patto per la legalità che impegni i nomadi stessi: le istituzioni producono insieme uno sforzo straordinario per assicurare i loro diritti e le loro condizioni di vita, ma a questo deve corrispondere il pieno rispetto della legalità e della convivenza civile".

Formigoni – conclude la nota – ha infine annunciato l’integrazione tra la Carta di identità elettronica e la Carta regionale dei servizi: uno strumento moderno che facilita il dialogo tra cittadino e servizi pubblici, dall’anagrafe alla sanità (la Carta Regionale è ormai in possesso di tutti i cittadini lombardi). Un Tavolo tecnico comprendente il ministero garantirà lo sviluppo e il completamento del progetto di integrazione.

Comments are closed.