SICUREZZA. Lotta alla criminalità: sequestrati beni per 2 mld 900 mln e catturati 73 latitanti

Lotta alla criminalità organizzata: da maggio al 15 novembre di quest’anno sono state fatte 49 operazioni di polizia e sono state arrestate 918 persone legate alla criminalità, fra i quali 73 latitanti. E sono stati sequestrati beni per un valore complessivi di 2 miliardi 890 milioni di euro. Questo il bilancio della lotta alla criminalità organizzata reso noto oggi al Viminale.

In particolare, le operazioni contro la mafia sono state 12: 276 gli arresti e 14 i latitanti catturati mentre i beni sequestrati ammontano a un valore di 1 miliardo 558 milioni di euro. Le operazioni contro la ‘ndrangheta, sono state 16 e hanno portato all’arresto di 208 persone; 18 i latitanti che sono stati catturati. I beni sequestrati hanno un valore complessivo di 269 milioni e mezzo di euro. Sul fronte anticamorra, sono state fatte 13 operazioni dalle forze dell’ordine: 347 gli arresti, 36 i latitanti catturati, 1 miliardo 58 milioni di euro il valore dei beni sequestrati. La lotta alla criminalità pugliese ha condotto all’arresto di 87 persone, alla cattura di 5 latitanti e al sequestro di beni pari a 4 milioni 650 mila euro.

"Non avrà flessioni di alcun tipo" la lotta alla criminalità organizzata per il futuro: è quanto detto oggi dal Ministro dell’Interno Roberto Maroni. Fra le novità annunciate ci sono, in tema di infiltrazioni mafiose nelle amministrazioni comunali, la possibilità di colpire non solo i rappresentati politici eletti ma anche i burocrati se collusi con la malavita; è inoltre previsto un obbligo di denuncia per le imprese vincitrici di appalti pubblici che subiscono un’estorsione da parte della criminalità organizzata. Altra misura evidenziata dal Ministro è la possibilità di utilizzo immediato da parte delle Forze dell’ordine delle autovetture sequestrate alle mafie.

Comments are closed.