SICUREZZA. Marche, nasce ufficio per la mediazione penale minorile

Prevenire gli episodi di criminalità, aprire un dialogo fra autore e vittima del reato, aumentare la fiducia dei cittadini verso le istituzioni. La regione Marche, grazie alla collaborazione con il centro di giustizia minorile del Ministero della Giustizia, della procura e del tribunale per i minorenni locale, ha creato l’Ufficio per la mediazione penale minorile. L’iniziativa, presentata oggi al convegno "La mediazione penale tra devianza minorile e sicurezza urbana", ha lo scopo di incidere sul livello di sicurezza urbana percepito dai cittadini attraverso l’utilizzo della mediazione penale.

In particolare si pone attenzione al fenomeno della criminalità minorile, che necessita di un ruolo attivo delle istituzioni per il reinserimento effettivo nella vita sociale. L’Ufficio per la mediazione penale minorile è un’esperienza diffusa in tutta Italia. L’avvio dell’istituto nella regione Marche è coinciso con la serie di iniziative ‘100 citta’ per la sicurezza’. Con questa iniziativa si intende instaurare un rapporto comunicativo tra vittima ed autore del reato, riconoscendo alla prima un ruolo attivo e facendo comprendere al secondo la gravità del proprio comportamento.

Mediante la responsabilizzazione e maturazione del minore, il risarcimento simbolico e materiale del reato, la riconciliazione, si mira alla ricomposizione della frattura sociale propria di ogni reato. "La situazione nella nostra regione – ha dichiarato durante l’incontro Paolo Mannucci, responsabile Servizi sociali per la Regione Marche – è buona, occorre tuttavia lavorare molto sulla prevenzione, per questo siamo felici dell’avvio nelle Marche dell’Ufficio per la mediazione penale minorile, in cui opereranno sedici mediatori provenienti da province, comuni, ASUR, Ministero della Giustizia e cooperative sociali". La formazione dei mediatori è stata organizzata dalla Scuola regionale di formazione della pubblica amministrazione, con l’ausilio di esperti in mediazione di Bologna e Milano.

 

Comments are closed.