SICUREZZA. Milano, Natale: è allarme contraffazione per giocattoli, elettronica e moda

In vista del Natale, è tutto un proliferare di articoli da regalo "taroccati" nei vari settori merceologici. Nel corso dei controlli che la Guardia di Finanza (GdF) sta effettuando in questi giorni a Milano, sono state riscontrate irregolarità nella vendita di giocattoli per bambini non conformi alla normativa, prodotti con marchi contraffatti, piccoli apparecchi luminosi natalizi sprovvisti del marchio Ce.

Ma tra gli articoli "taroccati" c’è davvero di tutto: giocattoli, abbigliamento, vestiti di Babbo Natale, cd musicali, accendini, articoli sportivi, gadget e altri oggetti sequestrati, messi sotto sequestro per violazione delle norme in materia di sicurezza dei prodotti.

Nonostante l’intensa attività della GdF però, parte dei giocattoli che finirà sotto l’albero di Natale sarà comunque una potenziale fonte di pericolo per i più piccoli. È quanto emerge da un’indagine della Camera di Commercio di Milano e dai dati di un sondaggio effettuato presso 270 milanesi condotto in questo mese di dicembre.

Secondo i dati forniti dalla Commissione europea infatti, oltre un prodotto altamente pericoloso su tre (37%) riguarda l’infanzia e in questo caso i rischi più comuni sono soffocamento e tossicità. Secondo questa indagine, nei primi sei mesi del 2008, l’Italia avrebbe incrementato le esportazioni di giocattoli verso la Cina del 405%, per un milione di euro circa, ma ha importato complessivamente una quantità di giocattoli pari a 453 milioni di euro, di cui quasi la metà proveniente dalla Cina.

"L’attività di controllo è una funzione di regolamentazione molto importante – ha commentato Carlo Sangalli, presidente della Camera di Commercio di Milano, ricordando l’importanza di vigilare in particolare sulla sicurezza di giocattoli – Contraffazione e abusivismo sono un danno per i cittadini e per le imprese, perché un mercato senza legge è un mercato fuorilegge".

Comunque, con l’avvicinarsi del Natale, la presenza di prodotti falsi sul mercato spazia davvero in tutti settori merceologici: oltre ai giocattoli, tra le merci più colpite ci sarebbero anche i capi di abbigliamento, accessori moda ed elettronica.

"Bisogna essere coalizzati contro illegalità e contraffazione – ha aggiunto Sangalli – ed intervenire con più controlli, ma anche sviluppando la cultura della responsabilità". La mancanza di sicurezza, ha ricordato il presidente della Camera di Commercio di Milano, oggi rappresenta per l’economia un costo significativo.

"Il Natale – ha concluso Sangalli – è ancora sentito ed è fatto di tradizioni. In un momento difficile come quello attuale le feste possono diventare un’occasione importante per fare ripartire i consumi e guardare con maggiore fiducia al nuovo anno. Combattere la mancanza di sicurezza significa anche rendere le nostre imprese più competitive in Italia e all’estero". 

Comments are closed.