SICUREZZA. Norme tecniche, protocollo CNCU-UNI

Avviare, promuovere e consolidare un dialogo sistematico tra UNI e CNCU; svolgere attività di alfabetizzazione e di formazione per il personale delle associazioni dei consumatori; promuovere la partecipazione delle associazioni al processo di formazione. Sono questi alcuni dei diversi obiettivi che si pone il protocollo di intesa siglato oggi tra il Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti (CNCU) e l’Ente Nazionale Italiano diUnificazione (UNI).

Con questo accordo CNCU e UNI rispondono alle sollecitazioni espresse dal Parlamento Europeo a garantire la massima partecipazione degli stakeholders nel processo europeo di formazione. "I consumatori sono un soggetto imprescindibile all’attività di formazione" ha detto Piero Torretta, presidente UNI che ha aggiunto "Attraverso il CNCU può meglio esaltarsi la "democraticità" della formazione, che attua di fatto un modello di rappresentanza tripartita della società, nella quale l’autoregolamentazione del mercato nel contesto economico sia affidato al consenso tra le componenti dell’imprenditoria, della pubblica amministrazione e della società civile".

Secondo Gianni Cavinato che per il CNCU ha seguito le fasi di preparazione del protocollo, si tratta di "un punto di arrivo in quanto si è ottenuto un riconoscimento del ruolo delle associazioni e dell’attività che svolgono". Soddisfatto anche il sottosegretario Stefano Saglia, presidente delegato del CNCU: "La normazione tecnica accresce la competitività del Paese e la partecipazione delle associazioni al processo consente di coniugare le esigenze di regolazione e standardizzazione delle imprese con quelle di qualità e sicurezza dei consumatori".

Comments are closed.