SICUREZZA. Rapporto RAPEX: +16% di prodotti pericolosi ritirati dal mercato Ue nel 2008

Nel 2008, rispetto all’anno precedente, il numero dei prodotti a rischio che l’Ue ha ritirato dal mercato comunitario è aumentato del 16%. Nel 2007 le notifiche sono state 1605 mentre nel 2008 sono salite a 1866. Questo dimostra un significativo incremento della capacità del sistema RAPEX, il sistema comunitario di allerta rapido, sul quale recentemente sono state investite più risorse.

In 5 anni il numero di notifiche si è quadruplicato, passando da 468 nel 2004, l’anno in cui gli Stati membri hanno trasposto nelle loro legislazioni nazionali la direttiva comunitaria sulla sicurezza dei prodotti, a 1866 nel 2008. C’è dunque una maggior consapevolezza e responsabilità da parte delle imprese europee che sono diventate meno reticenti a ritirare dal mercato i loro prodotti pericolosi.

"Il rapporto di quest’anno mostra chiaramente che ogni superficialità è esclusa quando di parla di sicurezza – ha dichiarato il Commissario Ue alla Tutela dei consumatori Meglena Kuneva – Nel 2009 la sfida più importante consisterà nel vegliare affinché la sicurezza dei prodotti non venga meno in questo momento di crisi finanziaria e che le imprese continuino a rispettare i loro obblighi verso i consumatori".

Giochi e articoli per bambini, ma anche prodotti elettrici e veicoli a motore sono stati in generale i prodotti maggiormente segnalati. Quasi 500 segnalazioni per giocattoli pericolosi, 169 per apparecchi elettrici, 160 per veicoli a motore e 140 per prodotti tessili, compresi articoli di abbigliamento.

Le segnalazioni di articoli di origine cinese sono passate dal 52% del totale (nel 2007) al 59% nel 2008, pari a 909 notificazioni. E’ stata la Germania ad aver trasmesso il maggior numero di notifiche (205); a seguire la Spagna (163), la Slovacchia (140) e la Grecia (132).

Comments are closed.