SICUREZZA. Si celebra a Pievebovigliana (Mc) l’impegno di Legambiente nella protezione civile

Sono passati ormai 10 anni dai terribili eventi sismici che colpirono i territori di Umbria e Marche. La scossa più violenta, il cui epicentro fu registrato a Colfiorito di Foligno (Pg), provocò la morte di 11 persone, centinaia di feriti ed ingenti danni agli edifici, comprese strutture di valore artistico. L’episodio più eclatante fu il crollo della volta della Basilica di San Francesco d’Assisi, con le note immagini filmate da un operatore. Nacque in quel periodo la collaborazione fra Protezione Civile e Legambiente, con numerosi volontari impegnati nella salvaguardia di oltre mille opere d’arte. Per ricordare la solidarietà messa in campo in questi anni, da oggi al 16 settembre si tiene a Pievebovigliana (Mc) un’incontro sulla tutela di dipinti, statue e manoscritti in occasione di terremoti e fenomeni catastrofici. Evento clou dell’appuntamento sarà un’esercitazione, realizzata con l’ausilio del Corpo dei Vigili del Fuoco.

Nel 1997 è nata la prima struttura operativa di protezione civile gestita da un’associazione ambientalista. Attualmente sono 50 i gruppi operativi di Legambiente attivi sul territorio nazionale. "Dieci anni – sottolinea l’ente – durante i quali Legambiente ha potuto portare una solidarietà concreta e tempestiva in tutte le emergenze di protezione civile nazionali ed estere. Non solo, Legambiente si attiva nel far conoscere i rischi che gravano sul territorio portando avanti opere di prevenzione e di pianificazione al fianco degli Enti Locali e delle Regioni, con una particolare attenzione al mondo della scuola".

Saranno quattro giorni di prevenzione ed esercitazione, cui prenderanno parte volontari e soggetti impegnati in corsi di alta specializzazione. "Con l’ausilio dei Vigili del Fuoco, – sottolinea Legambiente – le squadre di volontari schederanno e imballeranno correttamente sculture, dipinti e quelle piccole opere artistiche ancora stoccate nei magazzini. Le squadre poi simuleranno momenti di emergenza operando per il riconoscimento, la messa in sicurezza e la catalogazione di beni conservati in chiese, musei e palazzi". Durante l’evento, organizzato in collaborazione con il Dipartimento della Protezione Civile Nazionale e la Regione Marche, sarà possibile assistere alla premiazione dei comuni vincitori di "Restare in piedi", il concorso nazionale ideato dall’associazione e dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile per la pianificazione d’emergenza e per le attività informative. L’assegnazione del titolo è in programma sabato 15 alle ore 15,00 presso la Chiesa di Santa Lucia di Serravalle di Chienti.

Comments are closed.