SICUREZZA. Sisma in Abruzzo, Confcommercio: 2700 esercizi danneggiati. Avviato numero verde

A L’Aquila sono circa 2700 gli esercizi commerciali che hanno subito danni. È quanto detto oggi dal presidente Confcommercio Carlo Sangalli che, alla guida di una delegazione, ha incontrato i commercianti e i vertici della Confcommercio Abruzzo. È stato ribadito l’impegno della Confederazione a riavviare la ricostruzione del tessuto imprenditoriale ed attivato un numero verde, 800037748, per le prime segnalazioni.

Nel corso dell’incontro, Confcommercio ha ribadito il proprio impegno a supportare il lavoro di censimento dei danni riportati dagli immobili commerciali e dei danni commerciali subiti dalle attività economiche. "A L’Aquila – ha osservato Sangalli – 1000 esercizi del centro storico e 1700 nel resto della città hanno subito danni dal sisma, di questi una cinquantina hanno già ripreso l’attività".

Fra le iniziative previste c’è quella di assicurare una nuova sede operativa alla Confcommercio dell’Aquila, la presenza di uffici mobili negli altri comuni del territorio colpiti dal sisma, e l’attivazione di un numero verde (800037748) per le prime segnalazioni e domande. "Strutture – ha detto Sangalli – cui gli imprenditori possano rivolgersi per segnalare esigenze e difficoltà e per avere informazioni ed assistenza in ogni materia utile al ripristino del loro lavoro e per l’accesso alle misure d’intervento già varate, a partire dall’indennità di 800 euro mensili per i lavoratori autonomi che abbiano dovuto sospendere l’attività. Ma chiederemo anche all’Associazione Bancaria di attivare un tavolo di lavoro comune dedicato all’esame dei rapporti tra banche e imprese nei territori colpiti dal sisma, e potenzieremo l’azione dei consorzi fidi".

Comments are closed.