SICUREZZA. Sisma in Abruzzo, è passato un mese. Caritas Italiana ha raccolto 11 mln di euro

Oggi è passato esattamente un mese dal terremoto che il 6 aprile scorso, alle 3.30 circa, ha colpito la città dell’Aquila e i suoi dintorni, provocando crolli di interi palazzi sotto cui hanno perso la vita 298 persone. In queste quattro settimane Caritas Italiana ha raccolto quasi 6 milioni di euro con le offerte spontanee; questi soldi, insieme ai 5 milioni di euro stanziati subito dalla Cei, saranno messi a disposizione per gli interventi avviati e da avviare.

A questi 11 milioni di euro si aggiungeranno le offerte, che devono ancora pervenire a Caritas Italiana, raccolte domenica 19 aprile in tutte le parrocchie durante la colletta nazionale, indetta dalla Presidenza della Cei. Oltre 50 Caritas nazionali, dalla Polonia al Burkina Faso, dal Brasile a Sri Lanka e alla Somalia, hanno manifestato vicinanza alla sorte delle vittime e disponibilità a contribuire agli aiuti e alla ricostruzione.

Oggi una delegazione di Caritas Germania è in visita ad Onna, uno dei paesi più colpiti dal sisma, mentre nei prossimi giorni è previsto l’arrivo di Caritas Svizzera. La scorsa domenica la Conferenza episcopale della Serbia-Montenegro ha lanciato una colletta nelle sue parrocchie per le popolazioni colpite dal sisma.

Caritas Italiana ha il suo perno nel Centro di coordinamento nazionale Caritas, aperto presso la parrocchia San Francesco d’Assisi del quartiere Pettino dell’Aquila, attivato fin dall’inizio per coordinare i primi aiuti giunti da tutta Italia. Sono più di 400 gli operatori e i volontari Caritas che si sono mobilitati immediatamente dopo il terremoto. In questo mese le Caritas diocesane dell’Abruzzo-Molise hanno fatto varie attività: dall’attivazione immediata di 4 magazzini (con alimenti, medicinali, prodotti per l’igiene, vestiti, lettini, sacchi a pelo, tende), all’assistenza materiale e morale alle famiglie accolte nelle tendopoli e negli alberghi della costa e al sostegno alla Caritas diocesana dell’Aquila, per riattivare le sue capacità di intervento, sia nell’emergenza, sia rispetto ai bisogni sociali vecchi e nuovi del territorio.

Dall’inizio dell’emergenza, sono stati distribuiti a più di 2.000 persone: beni alimentari (quasi 3 tonnellate tra pasta, sugo, scatolame), acqua (14 bancali), pannolini (4 bancali), coperte (3 bancali), vestiti (5 bancali), scarpe (4.000 paia). Caritas Italiana ha anche provveduto ad acquistare e distribuire alle parrocchie gazebo e tende comunitarie (100), sacchi a pelo (100), lettini (300).

Il Centro di coordinamento Caritas ha suddiviso il territorio colpito dal sisma in 9 zone omogenee, "affidate" alle Delegazioni regionali delle Caritas diocesane che, per un lungo periodo, svolgeranno opera di ascolto e assistenza delle persone terremotate, soprattutto delle fasce più fragili (anziani, malati, disabili, minori, migranti).

Caritas Italiana ha stretto anche un accordo con l’Azione Cattolica Italiana, per coordinare insieme l’impegno dei circa 1.600 volontari che si prevede si alterneranno nell’area del disastro. Intese e sinergie sono state sviluppate anche con le Acli e con la Pastorale giovanile e intensa è l’attività di coordinamento con le molteplici associazioni collegate alle realtà ecclesiali.

Inoltre Caritas Italiana ha già confermato la disponibilità a ricostruire scuole, centri di aggregazione delle comunità (strutture polifunzionali per finalità sociali, assistenziali, pastorali e culturali), la mensa e un dormitorio, e a realizzare opere di edilizia sociale e interventi per i bisogni delle fasce più vulnerabili (anziani, famiglie in difficoltà, soggetti svantaggiati, migranti).

Per sostenere gli interventi in corso (causale "TERREMOTO ABRUZZO") si possono inviare offerte a Caritas Italiana tramite C/C POSTALE N. 347013 (BIC: BPPITRRXXX per bonifici provenienti dall’estero) o tramite UNICREDIT BANCA DI ROMA S.P.A. IBAN IT38 K03002 05206 000401120727 (BIC: BROMITR1707 per bonifici provenienti dall’estero)

Offerte sono possibili anche tramite altri canali, tra cui:

  • Intesa Sanpaolo, via Aurelia 796, Roma IBAN: IT19 W030 6905 0921 0000 0000 012
  • Allianz Bank, via San Claudio 82, Roma IBAN: IT26 F035 8903 2003 0157 0306 097
  • Banca Popolare Etica, via Parigi 17, Roma IBAN: IT29 U050 1803 2000 0000 0011 113
  • CartaSi e Diners – telefonando a Caritas Italiana tel. 06 66177001 (orario di ufficio)

 

Comments are closed.