SICUREZZA. Sisma in Abruzzo, continua la mobilitazione per gli aiuti

La Commissione regionale Abi Abruzzo informa che sul territorio è attivo il numero verde "Faro" 800002266 per conoscere gratuitamente, 24 ore su 24, lo sportello Bancomat funzionante più vicino. Attualmente nella provincia de L’Aquila sono attivi 113 sportelli Bancomat. Purtroppo non saranno disponibili le informazioni sulla raggiungibilità degli stessi sportelli.

La Confesercenti nazionale ha invitato le proprie strutture di tutta Italia a interrompere temporaneamente le proprie attività, partecipando domani al lutto nazionale domani. Confesercenti ritiene importante un gesto simbolico di vicinanza a quanti sono stati colpiti dal sisma e ricorda come la stessa sede dell’Associazione dell’Aquila sia stata distrutta dalle scosse. Confesercenti Abruzzo oggi ha aperto un conto corrente; domani mattina una delegazione di panificatori abruzzesi della Cofnesercenti tornerà nelle zone terremotate per distribuire il pane ed altri alimenti.

Il Centro Servizio del Volontariato della Provincia dell’Aquila, coordinamento composto da 40 associazioni di volontariato, promuove insieme a Banca Popolare Etica una raccolta fondi volta a sostenere tutte le realtà del terzo settore (associazioni, cooperative, organizzazioni di volontariato ed altri enti no-profit) che operano nella Provincia dell’Aquila. Il coordinamento delle associazioni valuterà l’utilizzo delle offerte raccolte e ne darà ampia comunicazione, in un’ottica di completa
trasparenza e con la collaborazione di Banca Etica.

Le donazioni posso essere inviate sul conto corrente intestato:
Centro Servizio del Volontariato della Provincia dell’Aquila IT 27 N 05018 12100 000000404404

Il Dipartimento della Protezione Civile ha attivato 3 conti correnti per le donazioni a favore della popolazione colpita dal terremoto.

  1. CONTO CORRENTE IBAN IT72U0300205207000401124180 INTESTATO A: Protezione Civile Nazionale – Emergenza Terremoto L’aquila UNICREDIT BANCA DI ROMA Agenzia Roma Cavour B
  2. CONTO CORRENTE IBAN IT23X0306905039100000000140 INTESTATO A: Protezione Civile Nazionale – Emergenza Terremoto L’aquila INTESA SAN PAOLO Filiale di Roma 06787
  3. CONTO CORRENTE POSTALE NUMERO 95863023 (IBAN IT-63-X-07601-03200-000095863023) INTESTATO A: Protezione Civile Nazionale – Emergenza Terremoto L’aquila

L’Area Sanitaria di Confprofessioni, che riunisce medici di famiglia, odontoiatri, medici veterinari e psicologi, si è messa a disposizione della popolazione abruzzese e del coordinamento degli interventi disposti dalla Protezione Civile. E’ possibile segnalare esigenze e situazioni di bisogno a: info@confprofessioni.eu

L’Area sanitaria di Confprofessioni ha, inoltre, dichiarato l’immediata disponibilità di ANDI, FIMMG, ANMVI e PLP a contribuire alla rapida ricostruzione della rete dei servizi sanitari e di assistenza della Regione.

Il Comune di Roma, su disposizione del sindaco Gianni Alemanno, ha attivato un conto corrente sul quale è possibile versare le sottoscrizioni a favore delle popolazioni colpite dal sisma. Il codice IBAN è IT45M0300205117000401124128.

Presso la frazione di San Vittorino (AQ) è operativo il campo base del Comune di Roma, coordinato dall’Ufficio Extradipartimentale di Protezione Civile. Attualmente, sono state predisposte 60 tende per l’accoglienza di circa 180 persone e sono stati già distribuiti pasti per circa 350 persone. Il Comune di Roma invita tutti i residenti o chiunque abbia un’abitazione nelle zone colpite dal terremoto a telefonare al numero 800324171, attivato dal Dipartimento della Protezione Civile nazionale, per agevolare le attività di ricerca dei dispersi.

Il Comune di Roma ha organizzato attività ludiche rivolte ai bambini e attuato un servizio di assistenza psicologica attraverso due "psicologi dell’emergenza". Il Comune di Roma continua a mandare volontari e beni materiali. In totale sono arrivati 97 mezzi di soccorso – 31 da associazioni di volontariato, 62 dal Comune di Roma e 4 da privati – utilizzati dalle 230 unità di Roma dislocate a L’Aquila – 98 da associazioni private, 126 dalle diverse articolazioni del Comune di Roma, e 6 da privati.

Inoltre sono stati inviati i seguenti beni materiali:150 tende, 600 lettini, 2 cucine da campo (per 1000 pasti al giorno), 600 sacchi a pelo, stoviglie da campo per 2000 persone, 200 impermeabili, kit medico-chirurgici, 1000 accappatoi, 500 asciugamani, 2000 coperte, 600 tute, 2 tir di acqua, 1 furgone di pannolini per bambini, 1000 piumini, 600 guanti, 400 cappelli, 500 ombrelli, 2000 paia di calzini, 600 gazebo, confezioni di latte in polvere, 50 kit di primo soccorso, materiale elettrico per esigenze aree accoglienza, 1000 spazzolini, 1000 dentifrici, 50 caschi, 500 mascherine, 100 torce, 400 guanti, pale e attrezzature varie, 15 estintori, vestiario per bambini, 120 assorbenti per adulti, defibrillatori, 1 prefabbricato per supporto tecnico.

Comments are closed.