SICUREZZA. Sisma in Abruzzo, l’intervento delle banche

L’Associazione bancaria italiana invita le banche a fare bonifici gratuiti per iniziative di sostegno alle popolazioni colpite dal sisma. Il presidente dell’Abi, Corrado Faissola, ha infatti invitato le associate a valutare l’opportunità di non riscuotere le commissioni su bonifici, o altre forme di trasferimento di fondi, a favore di iniziative a sostegno dei cittadini colpiti dal sisma in Abruzzo. L’associazione ricorda inoltre che, per conoscere lo sportello bancomat più vicino e funzionante, è attivo il numero verde 800002266, gratuito 24 ore su 24.

Intanto vengono stanziati i primi fondi. La Banca di Credito Cooperativo di Busto Garolfo e Buguggiate ha infatti stanziato 10mila euro a favore delle persone colpite dal terremoto in Abruzzo. "Vogliamo dare un primo segno di solidarietà a chi si trova in difficoltà e abbiamo deciso di farlo subito. – commenta Lidio Clementi, il presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate -. E’ adesso che c’è bisogno di gesti di solidarietà concreta".

I 10mila euro saranno versati nel conto che Federcasse ha istituito per l’occasione, anche sulla base delle richieste pervenute da molte Federazioni Locali e Banche di Credito Cooperativo. "Chi volesse unirsi a noi per portare il suo gesto, piccolo o grande, di solidarietà – continua Clementi – può farlo aderendo alla raccolta fondi delle Bcc, Il Credito Cooperativo per l’Abruzzo. Ogni contributo è necessario per aiutare le persone colpite dal terremoto a ricostruire la propria vita".

Federcasse ha aperto un apposito conto corrente presso Iccrea Banca, le coordinate sono:

Iccrea Banca Spa – Conto corrente n. 32000
Codice Iban: IT 28 Q 08000 03200 000800032000
Intestato a Federcasse
Causale "Il Credito Cooperativo per l’Abruzzo"

Obiettivo dell’iniziativa è definire uno o più interventi a favore dei territori colpiti, sia per rispondere alle immediate esigenze legate all’emergenza, sia per favorire le opere di ricostruzione dei centri abitati e del tessuto produttivo. Tali interventi saranno ovviamente definiti in collaborazione con le strutture del Credito Cooperativo presenti nelle aree interessate dal sisma.

 

Comments are closed.