SICUREZZA. Sisma in Abruzzo, proseguono le verifiche sulle case

A una settimana dal sisma, dopo la celebrazione dei funerali di Stato, l’ultimo bilancio parla di 294 vittime, 1500 feriti, 55 mila sfollati. Molti sono ricoverati nelle tende e le difficoltà sono aumentate a causa del maltempo, del freddo e delle continue scosse che sono continuate, da ieri sera fino a stamattina. Nell’area proseguono le rilevazioni dei tecnici sui danni e l’agibilità sismica degli edifici de L’Aquila e dei paesi vicini. I risultati non sono incoraggianti: sulle verifiche fatte su un migliaio di abitazioni, il 30% è risultato inagibile. La dichiarazione di agibilità sismica, informa la Protezione Civile, è condizione necessaria per consentire ai cittadini di rientrare nelle case e "viene data a seguito di un ispezione visiva del danno, sulla base della quale è possibile stabilire che il terremoto non ha prodotto danni o, comunque, non danni tali da aver compromesso la capacità dell’edificio di sostenere un successivo terremoto di intensità pari a quello precedente senza crollare". Il bilancio attuale parla di oltre mille sopralluoghi, fra i quali 805 edifici residenziali, 31 scuole, 86 edifici pubblici e 127 edifici per attività produttive. Si sta procedendo a tappeto su tutti gli edifici per cui non è necessaria la richiesta dei cittadini per sopralluoghi su case, uffici o negozi privati.

Croce Rossa. Nel frattempo si moltiplicano le iniziative di sostegno alla popolazione da parte di cittadini, associazioni e aziende. La Croce Rossa Italiana ha chiesto che lo spostamento di grandi quantità di materiali da inviare sia concordata con il coordinamento della Sala URP Nazionale: per avere tutte le informazioni necessarie, anche per l’invio di materiale che dev’essere rigorosamente nuovo e confezionato, la Cri chiede di rivolgersi al comitato più vicino e mette a disposizione un numero verde (800.166.166) e un indirizzo email (materiali.sismaabruzzo@cri.it).

Aiab. L’Associazione italiana agricoltura biologica ha deciso di costituire un fondo destinato alle aziende agricole della provincia de L’Aquila che hanno subito danni a causa del sisma: fino a domenica 19 aprile, Spazio Bio, il punto vendita biologico della Città dell’Altra Economia a Roma, devolverà il 10% del fatturato per il fondo di solidarietà.

Enel. L’Enel ha deciso di aderire all’iniziativa di Confindustria e Sindacati, che prevede da parte dei dipendenti l’offerta del controvalore di un’ora di lavoro e da parte delle aziende un contributo di pari ammontare. In ogni caso, assicurerà un contributo di circa 2,4 milioni di euro, pari cioè al controvalore di 2 ore di retribuzione per ciascun dipendente in Italia. Da Enel Cuore arriveranno 600 mila euro per un’opera da ricostruire a favore di anziani, bambini, malati e disabili. Ai dipendenti Enel colpiti da sisma la società offrirà un prestito ponte a tasso zero, per un ammontare complessivo di 20 milioni di euro, fino a quando non arriveranno gli appositi fondi pubblici. Enel, inoltre, ha stanziato fino a un milione di euro complessivi per offrire un contributo a fondo perduto ai colleghi che hanno perso o potranno perdere la casa in conseguenza del sisma. L’aziende prolungherà da 2 a 4 mesi la sospensione dei termini di pagamento delle bollette previste dal governo.

Inps. Per garantire il pagamento delle pensioni, l’Inps utilizzerà a partire da oggi due uffici mobili allestiti in collaborazione con Poste Italiane presso i quali verranno forniti tutti i servizi Inps mentre in collaborazione con la Protezione Civile saranno allestiti due prefabbricati per ampliare i servizi. Qui gli assicurati e i pensionati Inps potranno rivolgersi per avere informazioni, per presentare domande di prestazioni o per la gestione dei pagamenti. L’Inps garantirà a partire da oggi il pagamento anticipato della rata dei trattamenti pensionistici ed assistenziali di competenza del mese di maggio 2009. L’Istituto ha attivato il cosiddetto pagamento in circolarità di pensioni e indennità – limitatamente a quelle riscosse in contanti agli sportelli o tramite assegno circolare – che consente la riscossione della pensione e delle altre prestazioni presso qualsiasi ufficio postale del territorio nazionale. Nell’ipotesi che il pensionato non sia in possesso del libretto di pensione o non ricordi il numero della propria pensione, gli uffici pagatori contatteranno un proprio referente centrale dotato di appositi tabulati analitici riportanti i dati anagrafici con associato il relativo numero di pensione. La pensione non potrà essere pagata senza un documento di identità o un documento sostitutivo rilasciato dagli uffici anagrafici. Allo stesso modo, per ottenere le indennità previdenziali di sostegno al reddito spettanti, i beneficiari dovranno essere in possesso di un documento di identità o uno sostitutivo, dichiarando a quale prestazione hanno diritto. Gli operatori dell’Inps provvederanno a consultare gli archivi degli aventi diritto e a procedere all’immediato pagamento.

Elezioni. Fra qualche giorno dovrebbe essere presa una decisione sull’eventuale slittamento delle elezioni provinciali e amministrative nella provincia dell’Aquila del 6 e 7 giugno, mentre sembra difficile che possano essere rinviate le europee. Da Contribuenti.it arriva l’invito a rinviare le consultazioni a ottobre. "Sarebbe anche un modo – afferma Donato Fioriti, dirigente nazionale e Direttore per l’Abruzzo di Associazione Contribuenti – per evitare passerelle politiche, di maggioranza ed opposizione, nazionali e locali. E’ questo il momento di pensare unicamente alle popolazioni colpite, con tutte le forze possibili e si dovrà farlo per diversi mesi. E’ indispensabile, quindi, rinviare per lo meno ad ottobre le elezioni. Questo il nostro appello, alle forze politiche di maggioranza ed opposizione, nazionali e locali."

Comments are closed.