SICUREZZA. Sisma in Abruzzo, si mobilitano gli aiuti

Si mobilita la macchina della solidarietà e dell’assistenza nei confronti delle popolazioni colpite dal sisma. Raccolta fondi, mobilitazione, reti di accoglienza per gli sfollati sono alcune delle iniziativa lanciate per portare soccorso alle vittime del sisma che ha sconvolto l’Abruzzo. Dal gruppo Sinistra e Libertà dell’Europarlamento arriva l’appello alla costruzione di una rete di solidarietà e primo aiuto, iniziative che – afferma Umberto Guidoni – saranno coordinate con la Protezione Civile. Si sta predisponendo una rete di persone disponibili ad ospitare gli sfollati: "Vi chiediamo, se abitate in regioni prossime alle zone interessate dal sisma e siete nella condizione di ospitare qualcuno, di comunicarci a partire da ora le seguenti informazioni: nome, cognome, indirizzo, telefono, indirizzo e-mail, numero delle persone che potete accogliere, numero delle stanze e durata approssimativa della disponibilità". L’indirizzo di riferimento: sinistraeliberta.volontari@gmail.com. Si può inoltre comunicare la disponibilità di competenze specifiche che potrebbero essere utili nell’area, come quelle di medici, ingegneri, infermieri, psicologi, assistenti sociali, cuochi. Se dovesse inoltre emergere la necessità della raccolta sangue, ci si può rivolgere all’ospedale di Pescara (Dipartimento di Medicina Trasfusionale PO "Spirito Santo" Via Fonte Romana 8 – 65124 Pescara Telefono 0854252687) oppure alle sedi Avis.

Gli operatori di telefonia mobile Tim, Vodafone, Wind e 3 Italia, d’intesa con il Dipartimento della Protezione civile, hanno attivato da ieri sera la numerazione solidale 48580 per raccogliere fondi a favore della popolazione dell’Abruzzo: ogni Sms inviato contribuirà con un euro, che sarà interamente devoluto al Dipartimento della Protezione civile per il soccorso e l’assistenza. Da questa mattina sarà inoltre possibile donare 2 euro attraverso chiamata da rete fissa di Telecom Italia, utilizzando lo stesso numero: 48580. Tim ha accreditato dieci euro di traffico telefonico gratuito sulla 290 mila utenze nell’area colpita dal sisma mentre Wind accrediterà cinque euro di traffico gratuito a tutti i clienti presenti nell’area. L’azienda ha inoltre inviato cinque unità mobili nell’area, a disposizione della Protezione Civile per contribuire a garantire i servizi di comunicazione.

Da Roma si mobilitano i costruttori: il presidente dell’Acer Eugenio Batelli ha infatti dichiarato la disponibilità dei costruttori romani a mettere a disposizione del Comune di Roma attrezzature e mezzi d’opera per supportare le iniziative della città a favore delle aree terremotate.

L’Auser ha deciso di aprire immediatamente una sottoscrizione nazionale da destinare alla popolazione dell’Abruzzo: i fondi vanno versanti sul conto corrente bancario presso la BANCA POPOLARE ETICA S.c.a.r.l. intestato ad Auser – IBAN IT 89 L 05018 03200 000000105900, specificando nella causale del versamento: "Terremoto Abruzzo". Saranno inoltre trasmesse alla Protezione Civile e alla CGIL le disponibilità di volontari, materiali e competenze tecniche.

Comments are closed.