SICUREZZA. Sospeso Schengen, controlli alle frontiere fino al 18 luglio

Dal 28 giugno sono ripartiti i controlli alle frontiere italiane, per la sospensione del Trattato di Schengen, l’accordo firmato nel 1985 tra Belgio, Germania, Francia, Lussemburgo e Paesi Bassi, che ha progressivamente eliminato i controlli alle frontiere comuni, introducendo un regime di libera circolazione dei cittadini. La sospensione di Schengen è una misura di sicurezza provvisoria, presa dal Governo italiano e annunciata dal Ministro dell’Interno Roberto Maroni, in vista del G8 che si terrà all’Aquila dall’8 al 10 luglio. I controlli saranno in vigore fino al 18 luglio per garantire la sicurezza dei cittadini, delle delegazioni e dei leader mondiali che arriveranno in Italia per l’incontro dei Grandi 8.

In una nota l’Alitalia precisa che "tutti i passeggeri in arrivo/partenza da/a destinazioni Schengen dovranno pertanto munirsi di documento di identità valido per l’espatrio, e recarsi con congruo anticipo in aeroporto, in modo da non incorrere in eventuali ritardi determinati dalla reintroduzione del controllo dei documenti". "Al fine di agevolare i propri passeggeri, Alitalia rafforzerà, per l’intero periodo in questione, il servizio di assistenza presso gli scali, con particolare riguardo alle esigenze dei passeggeri in transito".

Comments are closed.